giovedì 19 gennaio | 05:30
pubblicato il 05/dic/2013 13:50

Trasporto aereo: Assaeroporti, bene Lupi su Fondo. No a tasse immotivate

(ASCA) - Roma, 5 dic - Soddisfatta per l'impegno assunto dal ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Maurizio Lupi sull'adeguamento del Fondo speciale per il trasporto aereo Assaeroporti, l'associazione dei gestori aeroportuali che oggi ha partecipato al secondo incontro del tavolo sul trasporto istituito dal Mit con le organizzazioni di categoria. Piu' in generale, l'associazione auspica che il ministero, ''nell'ambito di un piu' ampio disegno strategico di definizione del Piano nazionale degli aeroporti, possa prendere delle misure adeguate a migliorare l'operativita' del sistema, garantendo un'adeguata copertura dei costi del servizio e dando concreta definizione delle questioni ancora pendenti''.

In una nota Assaeroporti spiega di aver accolto con soddisfazione l'impegno assunto da Lupi ''di individuare il percorso migliore per l'adeguamento del Fondo speciale del trasporto aereo nonche' di valutare idonei meccanismi che consentano il mantenimento del sistema di ammortizzatori sociali e le fonti di alimentazione del Fondo stesso''. Nel corso della riunione, l'associazione ha sottolineato come, ''a fronte delle responsabilita' e dei compiti assegnati al gestore aeroportuale in seno ad aree come la security, la safety, il ground handling e i servizi di pronto soccorso sanitario aeroportuale non corrisponda sempre in modo coerente un chiaro riconoscimento degli strumenti idonei ad eseguire tali compiti, ne', tantomeno, si provvede a fornire un simultaneo quanto mai necessario strumento di copertura dei costi addizionali generati dalla fornitura dei nuovi servizi, specie per quei gestori sprovvisti dei contratti di programma. In tema di servizi di assistenza a terra, il gestore aeroportuale - rimarca l'associazione - e' responsabile del coordinamento dei vari operatori presenti sullo scalo e in virtu' di cio' e' indispensabile che allo stesso vengano forniti strumenti operativi e correttivi piu' efficaci che possano supportarlo nello svolgimento del ruolo assegnatogli. Nell'area della security, il servizio di controllo di sicurezza ai varchi staff e carrai sara' presto affidato al gestore aeroportuale. In tal senso, si evidenzia come a fronte degli elevati costi a carico delle societa' di gestione aeroportuale (circa 400.000 euro a varco stimati) non e' previsto, per la maggior parte di esse, un idoneo strumento di recupero dei costi per via tariffaria. Occorre, in questo senso, trovare una soluzione''.

Assaeroporti fa presente che il settore del trasporto aereo, gia' provato dalla congiuntura economica negativa e dalla difficile situazione di Alitalia, non puo' sopportare ''altre immotivate tassazioni'', come l'imposta regionale sulle emissioni sonore degli aeromobili ''specie laddove la destinazione del gettito prodotto non sia destinata a migliorare la qualita' dei servizi al passeggero e la tutela dell'ambiente''. red-lcp/cam/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fed
Fed, Yellen vede tassi al 3% alla fine del 2019
Alitalia
Alitalia, Hogan: da Etihad e Abu Dhabi impegno per rilancio
Davos
Padoan da Davos: in Italia stiamo continuando riforme strttturali
Fs
Fs: firmato accordo, acquisisce la società greca Trainose
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina