domenica 11 dicembre | 11:10
pubblicato il 17/ott/2013 16:40

Trasporti: Ue svela il nuovo nucleo principale delle reti intermodali

(ASCA) - Bruxelles, 17 ott - Nove corridoi prioritari, per una rete di trasporto principale (Core network) che in tutta Europa colleghera' 94 grandi porti con linee ferroviarie e stradali (erano 83 alle proposte iniziali di novembre 2011), 38 aeroporti con linee ferroviarie che portano alle citta' principali (rispetto ai 37 originari) , e che vedra' 15mila chilometri di linee ferroviarie convertite ad alta velocita' e 35 progetti transfrontalieri destinati a ridurre le strozzature. Sono questi i numeri del nucleo principale delle reti di trasporto tran-europeo (Ten-T) secondo gli ultimi nuovi progetti pubblicati oggi dalla Commissione europea a Tallinn nell'ambito delle giornate delle Ten-t. I corridoi principali individuati dall'esecutivo comunitario giungono al termine del dialogo con i soggetti interessati e il dibattito con il Parlamento Ue, e formeranno le arterie dei trasporti nel mercato unico europeo e, assicurano a Bruxelles, ''rivoluzioneranno'' le connessioni tra est e ovest. Le nove direttrici principali si articolano in 2 corridoi nord-sud (scandinavo-mediterraneo e mare del Nord-Mar Mediterraneo), 3 corridoi est-ovest (Mediterraneo, Atlantico, mar del Nord-mar Baltico) e 4 corridoi diagonali (Reno-Danubio, Reno-Alpi, Baltico-Adriatico, Orientale-Mediterraneo orientale).

Il completamento della rete centrale e' previsto entro il 2030, e per la sua realizzazione sono previsti 250 miliardi di euro solo nel periodo coperto dal prossimo bilancio pluriennale (2014-2020). L'Unione europea ha stanziato 26 miliardi di euro (a prezzi correnti) attraverso il Meccanismo per collegare l'Europa (noto anche come Cef- Connecting Europe facility). Si tratta di un finanziamento di avvio dei lavori che sara' in grado di produrre un effetto leva per reperire sul mercato i rimanenti 225 miliardi. Per l'Italia tutto questo comportera', tra le altre cose, la realizzazione della linea ferroviaria veloce Torino-Lione e, per il completamento del medesimo corridoio europeo, la realizzazione del tratto di competenza italiana della linea linea Venezia-Lubiana. Per gli altri corridoi - in Italia ne passano quattro su nove - previste entro il 2030 la realizzazione della galleria di base del Brennero, il tratto autostradale Genova-Milano-Novara per il collegamento all'asse che porta a Rotterdam, il collegamento Verona-Palermo. Il nostro paese dovra' inoltre mettere in rete dieci aeroporti sui 38 complessivi individuati dall'Ue (Bergamo ''Orio al Serio'', Bologna ''Borgo Panigale'', Genova ''Sestri'', Milano ''Linate'', Milano ''Malpensa'', Napoli ''Capodichino'', Palermo ''Punta Raisi'', Roma ''Fiumicino'', Torino ''Caselle'' e Venezia ''Tessera'').

bne/gbt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina