sabato 21 gennaio | 02:59
pubblicato il 19/dic/2013 14:15

Trasporti: mhybus, al via autobus linea urbana alimentato a idrogeno

(ASCA) - Roma, 19 dic - Conclusa con successo la fase di sperimentazione di un anno a Ravenna, il progetto Mhybus, primo mezzo pubblico di trasporto urbano in Italia alimentato a idrogeno e metano, e' ora pronto per essere applicato su larga scala.

I risultati del test hanno evidenziato che, rispetto a un normale bus a metano, Mhybus ha consumato il 13% in meno di carburante e ha ridotto del 15% le emissioni di CO2. Al progetto, che ha l'obiettivo di rendere piu' ecosostenibile la mobilita' sui mezzi pubblici urbani, hanno partecipato Regione Emilia-Romagna, Aster, consorzio regionale per l'innovazione e la ricerca industriale, Enea, Start Romagna, azienda per il trasporto pubblico locale, e Sol, gruppo specializzato nella produzione, ricerca applicata e commercializzazione di gas tecnici.

com-ram ''Questo progetto - ha detto Alfredo Peri, assessore regionale ai trasporti della Regione Emilia-Romagna - ha avuto valore di apripista, oltre che per gli aspetti tecnici, per la definizione delle procedure relative all'omologazione di un nuovo tipo di veicolo da utilizzare per il trasporto pubblico. Mhybus fa parte delle strategie che la Regione ha attivato per un trasporto pubblico piu' sostenibile. Un progetto - prosegue l'assessore Peri - che si e' rivelato vincente per il bacino di Ravenna, dove e' presente un impianto a idrogeno ad alta efficienza che puo' essere utilizzato per la miscela. E' un esempio di soluzione che contrasta il cambiamento climatico e migliora la qualita' dell'aria pensata ad hoc per il territorio''.

''Grazie a questi risultati - commenta Stefano Valentini di Aster - la circolazione dei mezzi pubblici puo' diventare veramente ecosostenibile e senza significativi aggravi dei costi di gestione del parco autobus delle aziende di trasporto. I costi per modificare e far circolare una flotta di 10 autobus a idrometano ammontano complessivamente a 210-218 mila euro con un incremento di circa 800-1000 euro l'anno rispetto a un normale bus a metano ma riducendo in compenso le emissioni di CO2 di quasi 60 tonnellate su una percorrenza di 45.000 km a veicolo.'' Il successo del progetto di Mhybus ha valicato non solo i confini regionali dell'Emilia Romagna ma anche quelli continentali, attirando l'interesse della Korean Gas Safety Corporation specializzata nelle tecnologie di sicurezza sui gas. La KGS ha preso contatti con il team che ha lavorato su Mhybus per approfondire diversi aspetti legati all'idrometano e alla sperimentazione, quali la sicurezza, la normativa, le fasi di sviluppo del veicolo prototipo e i risultati ottenuti dai test su strada. KGS sta ora avviando a Seoul un analogo progetto di sperimentazione su una flotta di 10 autobus alimentati a idrometano.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Messina: da tutti c'è volontà di risolvere situazione
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Mediaset
Mediaset, P.S. Berlusconi: Vivendi? Se ne esce per vie legali
Ue
Antonio Fazio: disoccupazione e povertà grandi mali d'Europa
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4