giovedì 08 dicembre | 21:43
pubblicato il 02/set/2013 18:46

Toscana: nuovo bando per ulterioriori rimborsi ad aziende alluvionate

(ASCA) - Roma, 2 set - Le aziende toscane che per le alluvioni del novembre 2012 avevano subito danni per oltre 200mila euro potranno ottenere maggiori contributi. Potranno infatti partecipare al nuovo bando che sara' pubblicato nei prossimi giorni. Non solo: anche le imprese che di danni ne avevano entro 200mila euro ma avevano dovuto ''scontare' contributi di altra natura ricevuti in precedenza, adesso potranno presentare una nuova domanda.

I risarcimenti alle aziende per le alluvioni del novembre 2012 - precisa un comunicato - non devono infatti essere considerati ai fini del tetto massimo sugli aiuti pubblici in regime ''de minimis''. La Commissione europea ha concesso alla fine di agosto il via libera che la Regione Toscana aveva chiesto fin dall'avvio della pubblicazione del bando.

Significa che se oggi un'impresa non poteva godere di contributi per piu' di 200 mila euro in tre anni (e si dovevano considerare tutti i finanziamenti, non solo quelli legati all'alluvione), quel limite ora potra' essere superato. Una buona notizia per tutte quelle aziende che gia' avevano riscosso contributi di altra natura che rischiavano di diventare una zavorra o che avevano denunciato danni per oltre 200 mila euro. Per ottenere di piu' non dovranno che partecipare al secondo bando, che verra' aperto dopo che il commissario Enrico Rossi avra' firmato (a giorni) la nuova ordinanza.

Con la decisione della Commissione europea, il risarcimento possibile potra' arrivare fino al 75 per cento del danno subito, senza piu' alcun tetto. Dopo la pubblicazione del primo bando erano state presentate 359 domande e ne erano state ammesse 338, per 12,8 milioni di risarcimenti. Venerdi' dovrebbe essere approvata l'ordinanza che riaprira' il bando. Naturalmente potranno partecipare tutte le aziende, anche quelle che gia' avevano chiesto un risarcimento: fermo restando che i due eventuali contributi cumulati non potranno superare il 75 per cento dei danni subiti.

Le piogge che alle fine del 2012 si erano abbattute sulle Toscana avevano colpito tra il 10 e il 13 novembre e tra il 27 e 28 novembre sopratutto le province di Grosseto e di Massa Carrara. In misura minore erano state toccate anche Arezzo, Lucca, Pisa e Pistoia. In totale 139 comuni avevano subito inondazioni. Nella provincia di Massa Carrara solo il 10 novembre erano caduti 300 millimetri di acqua in ventiquattro ore e altri 185, in tre ore, il 27 novembre.

L'11 novembre, a Grosseto, si erano abbattuti in 40 ore tra 300 e 400 millimetri di pioggia. A dicembre il Governo aveva dichiarato lo stato di emergenza.

com-lus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bce
Bce inchioda i tassi a zero e proroga il Qe a tutto il 2017
Ambiente
Italia rischia sanzioni Ue per mancato trattamento acque reflue
Bce
Draghi: non vediamo euro a rischio da incertezza politica Italia
Bce
Draghi prolunga gli stimoli di 9 mesi e rassicura sull'Italia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni