sabato 21 gennaio | 08:12
pubblicato il 30/giu/2016 13:22

Tlc, Ue approva il piano italiano da 4 miliardi per banda larga

Strategia è in linea con le norme europee sugli aiuti di Stato

Tlc, Ue approva il piano italiano da 4 miliardi per banda larga

Roma, 30 giu. (askanews) - La commissione europea ha dato il via libera al piano nazionale italiano per la banda larga ad alta velocità, da circa 4 miliardi di euro, giudicandolo in linea con le norme dell'Unione in materia di aiuti di Stato. La strategia, afferma Bruxelles, "porterà l'accesso veloce a internet in aree in cui non è al momento disponibile, senza falsare indebitamente la concorrenza".

"Il piano per la banda larga ad alta velocità - sottolinea la commissaria alla concorrenza Margrethe Vestager - porterà internet più veloce a consumatori e imprese. Aiuterà il paese a dotarsi delle infrastrutture necessarie, contribuendo così alla creazione di un mercato unico digitale connesso nell'Ue. Grazie a una buona cooperazione con l'Italia, abbiamo potuto completare l'esame del nuovo piano con grande rapidità".

"In linea con gli obiettivi del mercato unico digitale - spiega la commissione - la strategia italiana per la banda ultralarga mira ad aumentare la copertura della banda larga ad alta velocità, contribuendo così al raggiungimento dell'obiettivo nazionale di estenderla all'85% della popolazione e a tutti gli edifici pubblici (in particolare a scuole e ospedali) con una connettività di almeno 100 Mbps. Il piano sarà in vigore fino al 31 dicembre 2022". Lo Stato italiano "finanzierà completamente la nuova infrastruttura, che resterà di proprietà pubblica, e incaricherà un concessionario della gestione della rete".

Bruxelles ha valutato il piano in base alle norme Ue sugli aiuti di Stato, "in particolare degli orientamenti sulle reti a banda larga del 2013 che mirano a garantire, tra l'altro, che il finanziamento pubblico non si sostituisca agli investimenti privati e che assicurano che altri prestatori di servizi possano usare l'infrastruttura finanziata pubblicamente su base non discriminatoria, proteggendo in tal modo la concorrenza effettiva, un fattore essenziale per gli investimenti e per offrire prezzi e qualità migliori ai consumatori e alle imprese".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Messina: da tutti c'è volontà di risolvere situazione
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Ue
Antonio Fazio: disoccupazione e povertà grandi mali d'Europa
Mediaset
Mediaset, P.S. Berlusconi: Vivendi? Se ne esce per vie legali
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4