sabato 03 dicembre | 19:21
pubblicato il 18/set/2014 12:05

Tlc, Giacomelli: sulla banda larga serve un progetto paese

Va evitato che si crei un'Italia a due o tre velocita' (ASCA) - Roma, 18 set 2014 - Sulla banda larga serve un progetto paese per evitare che si crei un'Italia a doppia o tripla velocita'. Lo sottolinea il sottosegretario alle Comunicazioni Antonello Giacomelli. "Il problema del digital divide non riguarda solo il Sud, ma tocca anche molte zone del Nord. Su banda larga e ultralarga - evidenzia Giacomelli in una nota - serve un progetto paese non solo per colmare il pesante divario italiano, ma per evitare che si creino un'Italia di serie A e una di serie B, un paese a doppia o tripla velocita'". Domani il sottosegretario sara' a Rovigo, al convegno su "Agenda digitale del Polesine - infrastrutture digitali e coordinamento degli interventi. Il Polesine, territorio in prevalenza rurale come molti altri nel nostro Paese, fa i conti con un rischio serio di digital divide, cioe' di larghi settori della popolazione esclusi dalle tecnologie dell'informazione per carenze infrastrutturali.

Red/Rbr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Disturbi del sonno? 10 regole ambientali per dormire meglio
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari