martedì 06 dicembre | 13:14
pubblicato il 03/lug/2011 15:45

Ti Media/Ecco perchè abbiamo detto di no a Michele Santoro a La7

Giornalista voleva modificare puntate senza ragionevole preavviso

Ti Media/Ecco perchè abbiamo detto di no a Michele Santoro a La7

Roma, 3 lug. (askanews) - Michele Santoro pretendeva di poter modificare le puntate della sua nuova trasmissione, anche in senso profondo, senza alcun "ragionevole" preavviso. Telecom Italia Media, la società del Gruppo Telecom Italia proprietaria della rete televisiva La7, spiega in una nota le motivazioni della rottura delle trattative con il popolare conduttore televisivo replicando alle "illazioni" contenute nell'articolo de Il Fatto Quotidiano dello scorso 2 luglio che aveva invece segnalato come, nel giorno del No a Santoro, fosse scomparsa dalla manovra del governo una norma per il diritto di accesso a internet che avrebbe penalizzato Telecom Italia. Secondo TI Media "la rottura delle trattative è dovuta alla richiesta continua e perentoria effettuata dal dott. Michele Santoro di riservarsi il diritto, una volta individuato il tema della trasmissione, di modificare, anche in senso profondo, l'eventuale "premessa", gli ospiti in studio, la scaletta, i filmati da trasmettere e quanto altro fosse necessario per gestire in totale autonomia il programma da Lui condotto, senza alcun ragionevole preavviso (erano stati concessi solo alcuni minuti). Questa richiesta, che viola le regole interne - già ampiamente rappresentate al dott. Santoro - che presiedono i rapporti con tutti i volti della rete, pone ingiustificati rischi legali di natura penale e civile (solo questi in parte manlevabili) in capo all'Editore che non si è ritenuto di correre". Quanto all'offerta definita "generosa" del direttore del telegiornale de La7 Enrico Mentana "di includere il programma del dott. Santoro nella testata giornalistica, al fine di alleviare i rischi dell'Editore" questa "è stata dallo stesso rifiutata poiché considerata "artificiosa". Ma Telecom Italia Media vuole sgombrare il campo anche dalle ipotesi di un collegamento fra quanto previsto nella "finanziaria" e la decisione di TI Media di interrompere le trattative. Confermando "che le opinioni delle parti sulla gestione operativa dei rapporti fra l'Autore e l'Editore, così come rappresentato in precedenza, sono risultate inconciliabili ben prima che fosse emessa la bozza di "finanziaria", dunque - sottolinea il gruppo controllato da Telecom Italia - le illazioni formulate da "Il Fatto Quotidiano" sono prive di fondamento reale". D'altronde, seconto Telecom Italia Media, già nel corso della presentazione del palinsesto autunnale di LA7, svoltasi il 23 giugno scorso, l'Amministratore Delegato di Telecom Italia Media Giovanni Stella, con riferimento alle trattative con il dott. Santoro, aveva dichiarato testualmente che "La trattativa con Santoro è ancora in corso. Trovare un accordo con Santoro non è facile perché è un autore e volto di rete che ha un suo pregio molto importante e che quindi vuole avere delle tutele e delle caratteristiche proprie. Dal punto di vista economico non ci sono problemi [?] Stiamo discutendo altri temi del contratto. Credo che presto usciremo con un annuncio per verificare se abbiamo poi effettivamente trovato questo accordo oppure no".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Borsa
Vittoria No non spaventa la Borsa (-0,21%) ma banche vanno giù
L.Bilancio
L.Bilancio, Dijsselbloem: ora impossibile chiedere misure extra
Governo
Governo, Cgil: elezioni anticipate pericolosa fuga in avanti
Cnel
Referendum, Napoleone: popolo ha riconosciuto il ruolo del Cnel
Altre sezioni
Salute e Benessere
Airc finanzia ricerca per migliorare diagnosi noduli alla tiroide
Enogastronomia
Mantegna contro Margherita: la pizza cambia nome e si veste d'arte
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Ricerca, scoperta una pianta erbacea che va in letargo per stress
Scienza e Innovazione
Pakistan, sta morendo avvelenato il più grande lago del paese
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni