sabato 21 gennaio | 18:58
pubblicato il 16/apr/2011 10:45

Thyssen/ Camusso: Vita lavoratore non si sacrifica per profitto

"Governo corresponsabile su clima negazione diritti"

Thyssen/ Camusso: Vita lavoratore non si sacrifica per profitto

Roma, 16 apr. (askanews) - "Questa sentenza dice una cosa precisa: la vita di un lavoratore non si può trasformare in profitto. Non so se sia una decisione storica, so che è la prima volta che un amministratore viene condannato per omicidio volontario. Non era mai successo". Lo afferma, in una intervista a 'Repubblica, la segretaria della Cgil Susanna Camusso commentando la sentenza sul rogo alla Thyssen. "Viene così respinta - continua la sindacalista - l'idea che per conseguire il profitto si possano sacrificare le condizioni di sicurezza dei lavoratori" contro "una deriva culturale che porta a sostenere che nelle aziende si possa fare a meno dei diritti". In questo fenomeno, sottolinea la Camusso, c'è una "corresponsabilità del governo nell'aver creato un clima, un atteggiamento culturale in cui si ritiene che i diritti non siano connaturati al lavoro".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Carrefour
Carrefour annuncia 500 esuberi e i sindacati preparano scioperi
Alimenti
Obbligo di indicazione di origine sui latticini: ecco il vademecum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4