sabato 10 dicembre | 00:31
pubblicato il 28/ago/2016 10:05

Terremoto, De Vincenti: Fuori da patto Ue anche fondi prevenzione

Sottoseg. pres. Consiglio a Messaggero: Prevenzione fondamentale

Terremoto, De Vincenti: Fuori da patto Ue anche fondi prevenzione

Roma, 28 ago. (askanews) - "Riteniamo che l'Ue debba ritrovare la strada maestra indicata dai padri fondatori: rispondere ai bisogni dei suoi cittadini. Dunque la ricostruzione e la prevenzione vanno inquadrate nel nuovo spirito europeo. Questo è il passaggio politico e di politica economica che l'Europa è chiamata a compiere". Lo ha detto in un'intervista al Messaggero, il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Claudio De Vincenti rispondendo alla domanda se anche i fondi della prevenzione dovrebbero essere esclusi dal patto di stabilità europeo come quelli per la ricostruzione.

«Oggi - ha detto De Vincenti - abbiamo toccato con mano il dolore dei familiari delle vittime e di tutte le persone colpite dal terremoto. Ora dobbiamo fare in modo che questo dolore possa accompagnarsi alla fiducia che nessuno verrà abbandonato. Come governo sentiamo molto forte la responsabilità di stringere questo un patto. Ripeto: dopo la straordinaria e bellissima prova della fase dei primi soccorsi, nessuno sarà abbandonato».

Alcune delle 35 vittime di cui si sono celebrati i funerali potevano essere salvate con il rispetto delle regole anti-sismiche. Non è così?

«Il tema della prevenzione - risponde il sottosegretario - è una questione fondamentale per un Paese come il nostro, caratterizzato da molte aree ad elevato rischio sismico e da un patrimonio il più vasto del mondo di edifici antichi, di centri storici. Per le nuove costruzioni o per la ristrutturazioni, le norme anti-sismiche ci sono: possiamo vedere se vanno ulteriormente rafforzate e migliorate, ma direi che la prima cosa da fare è di applicarle. Più difficile, e dobbiamo esserne consapevoli, è fare prevenzione anti-sismica per i tantissimi edifici antichi e per i centri storici sparsi nel nostro Paese. Qui abbiamo bisogno di tutte le competenze scientifiche e tecnologiche. Anche per questo il premier Renzi ha lanciato il progetto "Casa Italia"».

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps: da Vigilanza Bce no a proroga tempi per aumento capitale
Mps
Banche, Fonti Palazzo Chigi: nessun cdm previsto, schema dl pronto
Francia
Francia, banca centrale taglia stime crescita citando la Brexit
Cambi
L'euro continua a calare dopo le mosse Bce, sotto 1,06 dollari
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina