sabato 10 dicembre | 14:37
pubblicato il 29/ago/2016 10:13

Terremoto, Coldiretti ad Amatrice 90% stalle danneggiate

Stress provocato dalle scosse ha causato crollo produzione latte

Terremoto, Coldiretti ad Amatrice 90% stalle danneggiate

Roma, 29 ago. (askanews) - Ad Amatrice il 90% delle stalle sono danneggiate con crolli che hanno provocato molte morti tra gli animali in un territorio dove vivono 2800 pecore e 3000 mucche che ora hanno bisogno di un riparo ma sono anche necessari per sopravvivere acqua potabile, mangimi, generatori di corrente, refrigeratori, carrelli per la mungitura, pali e filo elettrificato per le recinzioni. E' quanto è emerso dal monitoraggio realizzato dalla Coldiretti in occasione degli incontri sull'emergenza terremoto che ha interessato un area dove sono presenti quasi mille aziende agricole ed allevamenti tra le campagne del Lazio, dell'Umbria e delle Marche.

Lo stress provocato dalle scosse - sottolinea Coldiretti - ha causato un crollo della produzione di latte. Non solo stalle ma anche fienili e casolari sono lesionati o distrutti con gli allevatori che non li possono abbandonare e c'è bisogno di roulotte e tende per stare vicini agli animali che devono mangiare tutti i giorni e le mucche vanno munte due volte al giorno. Ma si temono anche - precisa la Coldiretti - furti ed abigeato nelle campagne isolate dove piu' difficile è l'attività di controllo della forza pubblica.

Grave è anche il problema della conservazione del latte con l'energia elettrica in tilt e le frane e smottamenti e strade rurali distrutte che impediscono la consegna con migliaia di litri che sono stati buttati in una situazione in cui - continua la Coldiretti - la produzione è calata anche a causa dello stress provocato negli animali dalle scosse continue.

"Ammontano a milioni di euro i danni provocati dal sisma nelle campagne dove è necessario far ripartire l'attività in un territorio a prevalente economia agricola - ha affermato il presidente della Coldiretti, Roberto Moncalvo -, si tratta di una risorsa imprescindibile per contrastare lo spopolamento e l'abbandono e dare un futuro alla popolazione. A sostegno della solidarietà tra agricoltori sul territorio con l'impiego di trattori e ruspe aziendali, la Coldiretti ha attivato una Unità di crisi per aiutare le aziende agricole colpite con la collaborazione dell'Associazione Italiana Allevatori (AIA) ma anche il cibo garantire l'alimentazione degli animali con l'aiuto dei Consorzi Agrari d'Italia (CAI)".

Per consentire ad agricoltori, cittadini, strutture economiche e cooperative lungo tutta la Penisola di collaborare in questa azione di solidarietà è stato aperto uno specifico conto corrente denominato "COLDIRETTI PRO-TERREMOTATI" (IBAN: IT 74 N 05704 03200 000000127000) dove indirizzare la raccolta di fondi.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Banche, Fonti Palazzo Chigi: nessun cdm previsto, schema dl pronto
Latte
Mipaf: per latte e formaggi origine obbligatoria in etichetta
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina