giovedì 08 dicembre | 01:38
pubblicato il 19/ott/2016 19:10

Terna: rafforza collaborazione con Gdf su trasparenza appalti

Impegno totale contro corruzione e infiltrazioni criminali

Terna: rafforza collaborazione con Gdf su trasparenza appalti

Roma, (askanews) - Terna fa un altro passi avanti sul fronte della trasparenza e della lotta alla corruzione. La società ha infatti firmato un nuovo protocollo d'intesa che rafforza la collaborazione con la Guardia di Finaza sul fronte degli appalti.

Obiettivo, assicurare pieno rispetto della legalità in tutte le fasi di realizzazione delle infrastrutture elettriche del Paese.

L'accordo, triennale, è stato firmato dall'amministratore delegato di Terna, Matteo Del Fante, e dal comandante generale della Guardia di Finanza, generale Giorgio Toschi, alla presenza della presidente di Terna, Catia Bastioli.

Grazie ad una task force di 15 professionisti, software innovativi ed un sistema di sicurezza unico in Italia, Terna renderà disponibili alla Guardia di Finanza tutti i dati relativi ai suoi cantieri. Dalla fase di assegnazione dei lavori fino, e questa è la novità più significativa, all'ultimo dei subappalti.

Con risultati immediatamente verificabili, come spiega lo stesso ad di Terna Matteo del Fante: "Abbiamo già evidenza che questo tipo di comunicazione addizionale che Terna fa alle imprese che partecipano crea come una selezione implicita perché l impresa che gioca pulito non ha nessun problema nel leggere questo tipo di clausola e continua a partecipare".

Quelle che giocano meno pulito si tengono lontane, anche perchè Terna rende tutti i dati su appalti e imprese disponibili anche al pubblico: "Semplicemente entrando nel sito di Terna si può accedere alla sezione cantieri aperti e trasparenti dove troverete tutte le informazioni".

La mole di lavoro è notevole, il security operations center di Terna analizza oltre 70 milioni di dati al giorno sulle 350 imprese che lavorano per la società.

"C'è un piano di sviluppo approvato dal governo e proposto da Terna di quasi sette miliardi, viene rinnovato annualmente e si adatta alle esigenze del sistema elettrico" spiega Del Fante "tutto ciò si traduce in 250 cantieri aperti in ogni momento, in benefici per il sistema elettrico e risparmi molto significativi".

Ma la trasparenza, sottolinea, è un buon investimento anche in termini economici:

"Alcuni investitori prima di guardare l'aspetto finanziario guardano gli aspetti di responsabilità sociale e quella è una specie di condizione necessaria, una specie di barriera all ingresso. L'anno scorso, senza arroganza, siamo stati la prima azienda nel settore delle utilities come punteggio negli indici di responsabilità al mondo, quindi un eccellenza italiana di cui siamo molto fieri e che però dobbiamo continuare a proteggere e coltivare".

Gli articoli più letti
Mps
Mps: Vigilanza Bce studia proroga fino a 31 gennaio
Banche
I 5 requisiti necessari a un eventuale "salva banche" con l'Esm
Banche
Ue multa Agricole, Hsbc e JPMorgan su cartello Euribor: 485 mln
L.Bilancio
L.Bilancio: Senato approva fiducia con 173 sì
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni