martedì 21 febbraio | 00:36
pubblicato il 06/dic/2013 08:51

Telecom:a convertendo applicate regole su operazioni con parti correlate

(ASCA) - Roma, 6 dic - Il Cda di Telecom ha esaminato l'operazione di emissione del prestito obbligazionario Guaranteed Subordinated Mandatotory Convertible Bonds emesso da TI Finance e convertendo in azioni Telecom Italia per un importo pari a 1,3 miliardi di euro. Sulla base della richiesta del Comitato per Il Controllo e Rischi, la societa' ha considerato l'operazione del prestito convertendo come ''operazione con parti correlate di maggiore rilevanza''.

Il Cda e' pertanto tornato a deliberare sul prestito obbligazionario convertendo sulla scorta di apposito parere messo a punto dai consiglieri indipendenti, approvando l'operazione dopo le verifiche a garanzia dell'interesse della Societa', nonche' della convenienza e della correttezza sostanziale dell'iniziativa. A valle dell'iter istruttorio e approvativo da parte degli organi consiliari, la Societa' ha definito il documento informativo richiesto dalla Consob. Lo spiega una nota di Telecom.

red/men

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: pensare a giovani, alcuni privilegi da rivedere
Alitalia
Alitalia, Delrio: ci sono problemi seri, siamo preoccupati
Alitalia
Alitalia, sindacati: sciopero confermato, governo convoca azienda
Conti pubblici
Padoan: da migliori previsioni no impatto su manovra correttiva
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia