domenica 04 dicembre | 05:11
pubblicato il 09/set/2015 16:17

Telecom: Vivendi rafforza presa e sale al 15,4%

Superamento soglia del 5% è del 4 settembre

Telecom: Vivendi rafforza presa e sale al 15,4%

Milano, 9 set. (askanews) - Vivendi rafforza sempre più la presa su Telecom Italia. Secondo quanto è emerso dagli aggiornamenti della Consob sulle partecipazioni rilevanti, il gruppo francese è salito al 15,48% nel capitale del gruppo telefonico dalla precedente quota del 14,9%. Il superamento della soglia del 15% è datato 4 settembre.

"Telecom è una grande società, condividiamo la visione dello sviluppo del gruppo - aveva dichiarato il Ceo di Vivendi, Arnaud de Poyfontaine, sabato scorso a margine del workshop Ambrosetti - siamo investitori di lungo termine e crediamo che l'alleanza telco-contenuti possa creare una storia fantastica. Siamo molto impegnati sull'Italia e adesso non ci resta che scrivere la storia assieme".

Quello stesso giorno, il Ceo di Vivendi - presente a Villa D'Este assieme al presidente di Telecom, Giuseppe Recchi - alla domanda se il gruppo francese avesse intenzione di salire ulteriormente nel capitale, si era limitato a dire: "al momento abbiamo la quota che abbiamo, non ho altri commenti da fare su questo argomento".

Il titolo Telecom in Borsa ha accelerato al rialzo, guadagnando il 3,8% a 1,15 euro.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari