lunedì 16 gennaio | 14:10
pubblicato il 03/gen/2014 16:19

Telecom: Slc-Cgil, vendita Tim Brazil colpo di grazia per azienda

(ASCA) - Roma, 3 gen 2014 - ''La vendita di Tim Brasil rappresenterebbe un ulteriore passaggio per 'impoverire' Telecom Italia e creare le condizioni per permettere agli spagnoli di incorporarla in Telefonica, facendo sparire la quarta impresa nazionale. Ci sarebbe anche l'ulteriore 'sgarbo' alle istituzioni italiane cui a piu' riprese e' stato raccontato che il Brasile era strategico per gli interessi dell'azienda italiana''.

Lo afferma in una nota Michele Azzola, segretario nazionale della Slc-Cgil, spiegando che ''se la nuova politica continua a ripetere gli errori della vecchia le speranze di un cambiamento per il Paese sono veramente scarse''.

''Non vorremmo - conclude Azzola - che, dopo la infelice privatizzazione e le cordate per il controllo dell'azienda che l'hanno depredata e impoverita, fosse un altro governo di centro sinistra ad assumersi la responsabilita' di accondiscendere alla fine di Telecom Italia''.

com-drc/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Calenda: no a nuova rinazionalizzazione
Fca
Fca, Calenda: Berlino si occupi di Volkswagen
Luxottica
Luxottica ed Essilor verso fusione, Luxottica vola in borsa (+13%)
Luxottica
Luxottica si unisce a Essilor, nasce leader prodotti per la vista
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Trump avverte Merkel su commercio: troppe Mercedes negli Usa
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
On line il sito del Fondo Astoi a tutela dei viaggiatori
Energia e Ambiente
Energia, Bellanova: Italia con Enea all'avanguardia internazionale
Moda
Milano Moda uomo, i quadri viventi di Antonio Marras
Scienza e Innovazione
Spazio, lanciato razzo di SpaceX dopo l'esplosione di settembre
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Anas: nel 2016 traffico in crescita, su tutta la rete +2,45%