martedì 21 febbraio | 16:10
pubblicato il 03/gen/2014 16:19

Telecom: Slc-Cgil, vendita Tim Brazil colpo di grazia per azienda

(ASCA) - Roma, 3 gen 2014 - ''La vendita di Tim Brasil rappresenterebbe un ulteriore passaggio per 'impoverire' Telecom Italia e creare le condizioni per permettere agli spagnoli di incorporarla in Telefonica, facendo sparire la quarta impresa nazionale. Ci sarebbe anche l'ulteriore 'sgarbo' alle istituzioni italiane cui a piu' riprese e' stato raccontato che il Brasile era strategico per gli interessi dell'azienda italiana''.

Lo afferma in una nota Michele Azzola, segretario nazionale della Slc-Cgil, spiegando che ''se la nuova politica continua a ripetere gli errori della vecchia le speranze di un cambiamento per il Paese sono veramente scarse''.

''Non vorremmo - conclude Azzola - che, dopo la infelice privatizzazione e le cordate per il controllo dell'azienda che l'hanno depredata e impoverita, fosse un altro governo di centro sinistra ad assumersi la responsabilita' di accondiscendere alla fine di Telecom Italia''.

com-drc/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: pensare a giovani, alcuni privilegi da rivedere
Alitalia
Alitalia, sindacati: sciopero confermato, governo convoca azienda
Moda
La moda porta a Milano 1,7 mld al mese, un terzo viene da estero
Taxi
Taxi, Padoan: liberalizzazione va fatta ma con transizione dolce
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ictus, movimento e linguaggio tra le funzioni più colpite
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia