sabato 03 dicembre | 22:45
pubblicato il 17/apr/2014 11:23

Telecom rinnova cda, Assogestioni batte Telco. Recchi presidente

La lista dei fondi supera azionista di maggioranza in assemblea

Telecom rinnova cda, Assogestioni batte Telco. Recchi presidente

Rozzano (Milano), (askanews) - Rinnovo con sorpresa per il consiglio di amministrazione di Telecom Italia. La notizia arriva dopo oltre 11 ore di un'assemblea più affollata del solito: la lista di Assogestioni è la più votata dagli azionisti, conquista il 50,28% e supera quella dell'azionista di riferimento Telco, che arriva seconda con il 45,5%. Terzo si piazza Marco Fossati, alla guida della finanziaria Findim, con il 3,5% dei voti: è stata la sua decisione di concentrare i voti sulla lista dei fondi ad averle permesso di vincere. Giuseppe Recchi, nato nel 1964 a Torino e presidente dell'Eni dal maggio del 2011, è stato eletto presidente.Nel cda di Telecom entrano dunque i tre rappresentanti di Assogestioni, che aveva presentato solo una lista di minoranza composta da Lucia Calvosa, Davide Benello e Francesca Cornelli, a cui si aggiungono i dieci della lista Telco: ai primi tre Giuseppe Recchi, l'ad Marco Patuano e la Baronessa Denise Kingsmill, confermati sin dall'inizio, si aggiungono dopo una seconda votazione altri 7 eletti a maggioranza per completare la lista.

Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari