domenica 26 febbraio | 02:46
pubblicato il 03/ott/2013 19:09

Telecom: Ibarra (Wind), scorporo rete sarebbe operazione di buon senso

(ASCA) - Roma, 3 ott - Lo scorporo della rete Telecom ''qualora ci fosse, sarebbe un progetto di buon senso e potrebbe creare valore per il sistema Paese''. Lo ha detto Maximo Ibarra, amministratore delegato di Wind, intervenuto al convegno di Between a Capri.

Secondo Ibarra, lo scorporo ''puo' permettere lo sviluppo della fibra a quattro condizioni: una governance trasparente, semplice e chiara; la parita' di accesso per tutti gli operatori; l'adozione di decisioni strategiche che possano prendere in considerazione un mix di piattaforme e l'avvio di un'analisi di mercato per verificare eventuali vincoli regolamentari. Wind - ha aggiunto Ibarra - potrebbe partecipare a una societa' della rete conferendo i suoi asset e prendendo una quota di minoranza''. In riferimento a un eventuale consolidamento nel mercato, l'AD di Wind ha dichiarato che ''la concentrazione e' tipica dei settori industriali quando sono saturi e maturi e le tlc non sfuggiranno a questo processo, che nel lungo termine ci sara'. Un secondo consolidamento puo' essere infrastrutturale e di piattaforma con una collaborazione orizzontale tra operatori per implementare la rete Ngn''.

com-sen/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech