venerdì 20 gennaio | 14:53
pubblicato il 15/gen/2013 19:56

Telecom: dimezzato prezzo fisso-mobile. Sale canone linea base

(ASCA) - Roma, 15 gen - Dal 1 aprile Telecom Italia adottera' un prezzo unico per tutte le chiamate dal telefono di casa verso i fissi nazionali e i cellulari dimezzando i prezzi del traffico fisso-mobile. Previsto l'adeguamento all'inflazione del costo dell'abbonamento per la linea base.

Sono tra le novita' della manovra di semplificazione tariffaria presentate dall'amministratore delegato Marco Patuano durante un incontro con le Associazioni dei Consumatori.

''Telecom Italia e' il primo operatore europeo a superare la storica distinzione tra chiamate fisse e mobili - ha sottolineato Patuano -. Con questa importante novita' intendiamo offrire ai nostri clienti una maggiore liberta' nell'utilizzo della linea telefonica di casa. L'esperienza maturata sia nel mobile sia nel fisso, infatti, indica che la semplificazione delle offerte si traduce in un utilizzo piu' consapevole e in un maggiore apprezzamento del servizio da parte della clientela''. In particolare, il prezzo unico delle telefonate da rete fissa sara' di 5 Eurocent/minuto a fronte degli attuali 9,90 Eurocent/minuto verso i cellulari e 1,90 Eurocent/minuto verso tutti i fissi nazionali (chiamate locali e interurbane). L'importo dello scatto alla risposta scende a 5 Eurocent/minuto a fronte degli attuali 7,94, con una riduzione del 37%. Inoltre, per le chiamate effettuate verso tutti i numeri fissi nazionali, al superamento delle tre ore di conversazione al mese scattera' una riduzione del 50%.

Contestualmente il costo dell'abbonamento al servizio telefonico di base di Telecom Italia, fermo da luglio 2011, viene adeguato all'inflazione del periodo, passando quindi da 16,64 a 17,40 Euro/mese ''mantenendosi comunque tra i piu' bassi d'Europa'' rileva la societa'.

Per coloro che beneficiano delle condizioni agevolate e per i titolari della Carta Acquisti (cosiddetta ''Social Card'') resta invariato l'attuale costo dell'abbonamento.

Nel corso dell'incontro con le Associazioni dei Consumatori e' stato sottolineato come nel 2012 oltre il 97% delle richieste di attivazione dei servizi sono state realizzate entro la data concordata con il cliente, mentre piu' del 92% dei guasti sono stati risolti nei tempi previsti dalle Condizioni Generali di Abbonamento. com-fgl/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Ibm
Ibm archivia il 19esimo trimestre di fila con ricavi in calo
Alitalia
Alitalia, Messina: da tutti c'è volontà di risolvere situazione
Ue
Antonio Fazio: disoccupazione e povertà grandi mali d'Europa
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
A Unidata gara per frequenze reti radio a larga banda
Sistema Trasporti
Delrio: "Proporrò sconti sugli abbonamenti del trasporto locale"