lunedì 23 gennaio | 13:39
pubblicato il 06/feb/2014 18:50

Telecom: cda punta su Minucci, presidente di garanzia per 3 mesi

Telecom: cda punta su Minucci, presidente di garanzia per 3 mesi

(ASCA) - Milano, 6 gen 2014 - Franco Minucci sale alla presidenza di Telecom Italia. Il consiglio di amministrazione ha deciso di affidare al manager di Reggio Calabria l'incarico di rappresentare il gruppo di Tlc. La nomina era nell'aria ma e' stata confermata dallo stesso Minucci in un'intervista rilasciata a Firstonline. ''E' solo la naturale prosecuzione del lavoro che stavo gia' facendo come vicario dopo le dimissioni di Franco Bernabe''', spiega nel colloquio con Franco Locatelli, precisando di aver accettato l'incarico ''per amore della societa' in un momento cosi' complicato''.

Puntare su di lui e' stata una scelta in un certo senso fisiologica per il gruppo di Tlc, alle prese con la fase transizione dovuta al passaggio del pacchetto di controllo della compagnia da Telco agli spagnoli di Telefonica. ''Saro' un presidente di garanzia di tutti gli azionisti'', assicura.

Calabrese, classe 1946, dopo la laurea in giurisprudenza arriva in Generali dove scala tutte le gerarchie manageriali fino a diventare, nel 1995, vicedirettore generale. Nel 1980 viene scelto per rappresentare il Leone di Trieste all'interno di Ania, incarico che ricopre ininterrottamente fino al 1991. E nel 1997, anno della privatizzazione di Telecom voluta dall'allora premier Romano Prodi, Minucci entra a far parte del consiglio di amministrazione della compagnia telefonica e ci rimane ininterrottamente fino ad aggi. Non a caso, e' su di lui che scomettono Mediobanca, Generali, Intesa Sanpaolo, Sintonia e Telefonica quando nel 2007 lo nominano alla presidenza di Telco, la holding creata ad hoc da una cordata italo-spagnola per rilevare la partecipazione di Olimpia in Pirelli e conquistare cosi' il controllo di Telecom Italia. Nel 2011 diventa vicepresidente di Telecom in quota Telco. Minucci restera' alla presidenza di Telecom solo per 3 mesi, precisamente fino all'assemblea che a meta' aprile vedra' i soci del gruppo riunirsi per rinnovare il cda.

''Dopo l'assemblea e' del tutto improbabile che resti io perche', insieme alla snellimento del cda, c'e' la necessita' di dare piu' spazio a personalita' indipendenti che non siano espressione dei grandi soci'', mette in chiaro il manager sempre nell'intervista pubblicata da Firstonline. Anche' perche', precisa, ''la presidenza dell'Ania e' e resta il mio principale incarico, almeno fino alla fine del 2014 quando scadra' il mio mandato triennale''. fcz/rf/gbt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Commercio
Ricerca Nielsen, 87% di chi naviga in internet fa shopping online
Borsa
Borsa, Piazza Affari piatta a metà mattinata. Ftse Mib -0,08%
Bce
Draghi: collaborazione Stati invece di "richiami a cupi passati"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4