martedì 21 febbraio | 18:06
pubblicato il 25/set/2013 11:43

Telecom: Bonanni, e' privatizzazione da manuale di rapina

(ASCA) - Roma, 25 set - ''E' un inizio di liberalizzazione e privatizzazione da manuale di rapina''. Cosi' il segretario generale della Cisl, Raffaele Bonanni, definisce l'acquisizione da parte di Telefonica della maggioranza di Telecom Italia.

''Di fatto - sottolinea Bonanni a margine di un convegno - e' una svendita ma non poteva che andare cosi'''. Preoccupazione viene poi espressa dal leader della Cisl sul fronte occupazionale. ''Per l'occupazione dei lavoratori Telecom - dice - c'e' preoccupazione. Accorpamenti di questo tipo prevedono piani industriali che potrebbero falcidiare posti di lavoro. Il governo deve rendere conto su questo''. Bonanni risponde poi al premier, Enrico Letta che ha definito Telecom come un'azienda privata. ''E' per modo di dire un'azienda privata - replica il numero uno della Cisl -, perche' lavora su una rete che secondo noi deve essere in mano pubblica. Altro che azienda privata, qui ci sono interessi pubblici''. glr/alf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: pensare a giovani, alcuni privilegi da rivedere
Alitalia
Alitalia, sindacati: sciopero confermato, governo convoca azienda
Taxi
Taxi, Padoan: liberalizzazione va fatta ma con transizione dolce
Moda
La moda porta a Milano 1,7 mld al mese, un terzo viene da estero
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ictus, movimento e linguaggio tra le funzioni più colpite
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia