sabato 21 gennaio | 07:45
pubblicato il 23/feb/2013 12:16

Telecom: Bernabe' inaugura a Venezia il Joint Research Center

(ASCA) - Venezia, 23 feb - ''Le risorse artistiche e culturali sono un elemento fondamentale per il rilancio della nostra economia ed un uso intelligente del digitale puo' contribuire alla loro piena valorizzazione''. Cosi' il presidente di Telecom Italia, Franco Bernabe', presentando a Venezia il Joint Research Center on digital humanities and future centre. Bernabe' ha sottolineato che ''laa collaborazione con le prestigiose Universita' Ca' Foscari e EPFL di Losanna sulle Digital Humanities vuole sviluppare idee e progetti in questo campo a Venezia. Vorremmo che Venezia, oltre ad essere un'incredibile patrimonio artistico ed ambientale diventi anche una citta' pilota per le modalita' di fruizione, racconto, studio delle risorse artistiche''.

Il rettore dell'ateneo Ca' Foscari di Venezia, Carlo Carraro, ha dal canto suo evidenziato che ''la nascita di questo Centro rappresenta un grande risultato nel campo della ricerca avanzata in un settore, quello delle Digital Humanities, che unendo le competenze specifiche di Ca' Foscari in ambito umanistico e quelle del Politecnico di Losanna in ambito tecnologico, portera' ad ambiziosi traguardi e movimentera' un team di ricercatori che avranno l'opportunita' di studiare e far crescere la ricerca e contribuire cosi' allo sviluppo della citta' di Venezia. I progetti che ora il Laboratorio comincera' a sviluppare - alcuni dei quali sono candidati al finanziamento dell'European Research Council - potranno diventare un punto d'incontro tra aree finora lontane degli studi, ma decisamente promettenti per una nuova valorizzazione del nostro cultural heritage''. Tra i primi progetti che saranno sviluppati ci saranno quelli dedicati alle nuove modalita' di fruizione dei contenuti artistici e culturali, la digitalizzazione degli archivi e il relativo content engineering, la governance dei sistemi urbani e le smart cities, viste dal punto di vista dei beni artistici e culturali.

Patrick Aebischer, presidente di Epfel, ha concluso osservando che ''la digitalizzazione degli archivi, nuovi sviluppi nella tecnologia dei sensori e la diffusione capillare dei dispositivi mobili ed ''embedded'' sono solo alcuni esempi di come la tecnologia attuale possa trasformare le collaborazioni tra discipline umane e scientifiche per creare un modello virtuale di Venezia''.

fdm/uda

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Messina: da tutti c'è volontà di risolvere situazione
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Mediaset
Mediaset, P.S. Berlusconi: Vivendi? Se ne esce per vie legali
Ue
Antonio Fazio: disoccupazione e povertà grandi mali d'Europa
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4