lunedì 20 febbraio | 17:25
pubblicato il 03/ott/2013 12:00

Telecom/ Addio di Bernabè costa ad azienda 6,6 milioni di euro

Stipulato accordo di non concorrenza di 12 mesi

Telecom/ Addio di Bernabè costa ad azienda 6,6 milioni di euro

Milano, 3 ott. (askanews) - L'uscita del presidente esecutivo Franco Bernabè dal gruppo Telecom costa all'azienda 6,6 milioni di euro complessivi. E' quanto emerge da un comunicato dell'azienda dopo che oggi il cda ha approvato il trattamento economico da riconoscere a Bernabè. In linea con quanto a suo tempo stabilito (Relazione sulla remunerazione per l'esercizio 2012) - si legge - il manager riceverà il trattamento a cui avrebbe avuto titolo sino a naturale scadenza del mandato (compenso fisso, variabile, benefit e altri compensi a equilibrio degli oneri fiscali applicabili ai benefit tassati), per un onere complessivo a carico della società pari a circa 3,7 milioni. Il cda, in linea con la possibilità prevista dal contratto in essere, ha inoltre deliberato la stipula di un accordo di non concorrenza di durata pari a 12 mesi con un onere per l'azienda di circa 2,9 milioni.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Delrio: ci sono problemi seri, siamo preoccupati
Kraft-Unilever
Kraft Heinz rinuncia a offerta acquisto Unilever
Consumi
Cresce la fiducia, 1 italiano su 5 pronto a fare acquisti
Conti pubblici
Padoan: da migliori previsioni no impatto su manovra correttiva
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia