domenica 22 gennaio | 00:54
pubblicato il 18/ott/2016 16:17

Tecnologia e tradizione si incontrano al Food Innovation Program

Dal gelato espresso alle serre smart, al cibo per astronauti

Tecnologia e tradizione si incontrano al Food Innovation Program

Roma, 18 ott. (askanews) - Dal gelato espresso ai funghi coltivabili fai da te, usando fondi di caffè, al cibo per astronauti. O ancora serre automatizzate domestiche controllabili via internet. Non si contavano le iniziative presentate dal Food Innovation Program al Maker Faire di Roma. Un master nato dalla collaborazione dell'università di Modena e Reggio Emilia con il prestigioso Institute For the Future di Palo Alto.

A presentarlo la fondatrice, Sandra Roversi. "Siamo all'interno dell'Officucina, che è un po' il punto di incontro per i maker ed è la casa di Food Innovation Program, dove cucina tradizionale e attrezzature di un fablab si incontrano. Da qui nascono progetti di pura contaminazione, fra il mondo dei maker e il mondo della tradizione".

Valerio Pappalardo illustrava diverse di queste proposte. "Qui abbiamo fatto un punto vendita e somministrazione per assaggiare queste tecnologie. Abbiamo i funghi espresso, un kit per coltivarli in casa utilizzando il caffè come substrato. Oppure abbiamo della tecnologia aerospaziale, pasti veri e propri studiati per gli astronauti".

Poco oltre Piero Santoro con le sue serre high tech. "Presentiamo Meg, delle sere completamente automatizzate e connesse a internet e cui puoi controllare e gestire i parametri vitali. presentiamo questo progetto pe la riduzione dei nitrati nelle lattughe, attraverso un fototrattamento di pressione. I nitrati sono delle sostanze che possono diventare dannose durante la digestione e con questo progetto la nostra ambizione è di aver della lattuga a nitrati quasi zero".

Infine, tra i padiglioni era presente anche Tim West, chef, imprenditore social e cofondatore del Food Hackaton che aprirà i battenti a fine mese a San Francisco. Quest'anno si parla di cibo e salute dei bambini. "La vera sfida sull'alimentazione dei bambini è sui genitori - spiega - perché spesso per il bene dei loro bimbi fanno cose che non hanno voglia di fare per sé. La domanda è come incoraggiarli a fare cose buone anche per loro stessi, perché ovviamente i bambini li prendono a modello".

Gli articoli più letti
Carrefour
Carrefour annuncia 500 esuberi e i sindacati preparano scioperi
Alimenti
Obbligo di indicazione di origine sui latticini: ecco il vademecum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4