domenica 04 dicembre | 01:34
pubblicato il 05/apr/2014 11:52

Tatuaggi da record: nel 2013 i centri tattoo cresciuti del 442%

Classifica Cgia di Mestre sulle attività in controtendenza

Tatuaggi da record: nel 2013 i centri tattoo cresciuti del 442%

Milano (askanews) - Attività anticrisi? Eccole: pizzerie, gastronomie e friggitorie, servizi di pulizia e centri estetici, panetterie e gelaterie... ma soprattutto i tattoo studio. A certificare la classifica delle imprese artigiane che lo scorso anno sono riuscite ad andare in controtendenza battendo la crisi e aprendo nuove attività è la Cgia di Mestre su dati forniti dalle Camere di commercio. Nell'elenco i tatuatori segnano un vero record: nel 2013 i tattoo studio sono aumentati di ben il 442 per cento.Secondo la Cgia di Mestre, circa 20 attivita' artigianali in maggiore crescita hanno creato almeno 24 mila nuovi posti di lavoro. Ma se il dato è di per se positivo, attenzione al facile entusiamo.La stessa Cgia di Mestre ricorda che le categorie appena elencate sono composte da un numero di attivita' abbastanza contenuto. Pertanto, bastano piccoli incrementi in termini assoluti per far aumentare a dismisura il dato percentuale. Insomma per quanto la moda dei tatuaggi possa durare, quello del tatuatore resta un mestiere per pochi.

Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari