sabato 21 gennaio | 23:03
pubblicato il 30/mag/2014 14:49

Tasi: Bankitalia, sulla prima casa rischio prelievo fino a +60% sul 2013

Tasi: Bankitalia, sulla prima casa rischio prelievo fino a +60% sul 2013

(ASCA) - Roma, 30 mag 2014 - Nella generale confusione che regna sul pagamento della Tasi, si abbatte ora anche il rischio di aggravare i costi della misura fiscale messa a punto dal governo Letta. Secondo quanto si evince dalla Relazione Annuale diffusa da Bankitalia in occasione dell'Assemblea che si e' svolta a Palazzo Koch, nel caso in cui i Comuni italiani dovessero scegliere l'aliquota massima del 2,5 per mille, il prelievo sulle prime case salira' del 60% rispetto al 2013 (che comunque, ha precisato Bankitalia in una successiva nota, presentava valori ''molto bassi'') tornando ai livelli dell'Imu 2012. La Banca d'Italia calcola inoltre che se invece l'aliquota prescelta dai Comuni sara' quella base dell'1 per mille l'aumento per il 2014 sara' invece del 12%. ram/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Carrefour
Carrefour annuncia 500 esuberi e i sindacati preparano scioperi
Alimenti
Obbligo di indicazione di origine sui latticini: ecco il vademecum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4