lunedì 05 dicembre | 01:49
pubblicato il 17/dic/2013 12:00

Tajani: Italia rischia procedura infrazione Ue su pagamenti P.A.

"Se entro uno o due mesi non mostra forte inversione"

Tajani: Italia rischia procedura infrazione Ue su pagamenti P.A.

Roma, 17 dic. (askanews) - L'Italia rischia finire sotto procedura di infrazione da parte della Commissione europea "se nel giro di un mese o due" non dovesse mostrare una "forte inversione di tendenza" sul recepimento della direttiva europea sui tempi di pagamento della pubblica amministrazione. A lanciare l'avvertimento è stato il vicepresidente della Commissione, Antonio Tajani, responsabile di industria e imprenditoria, durante una conferenza stampa a Bruxelles. "Purtroppo in Italia le cose non vanno come dovrebbero andare", ha detto citando le informazioni fornitegli dai due "consulenti" che ha incaricato di monitorare la situazione, il presidente dell'Acri, Giuseppe Guzzetti, e dell'Ance, Paolo Buzzetti. "C'è stato un lieve miglioramento ma siamo ancora lontanissimi dai termini" di pagamento previsti dalla direttiva, 30 giorni (o 60 giorni in alcuni casi). Tajani ha ricordato di aver già aperto procedure di infrazione per mancato recepimento della direttiva a carico di Germania e Belgio.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari