mercoledì 18 gennaio | 23:56
pubblicato il 24/lug/2015 16:10

Tabacco, intesa Philip Morris-governo: investiti 80 mln all'anno

Collaborazione fino al 2020 per valorizzare la tabacchicoltura

Tabacco, intesa Philip Morris-governo: investiti 80 mln all'anno

Roma, (askanews) - Firmato l'accordo tra il governo e Philip Morris Italia per la valorizzazione della tabacchicoltura, con un investimento complessivo fino a 500 milioni di euro per l'acquisto di tabacco coltivato nel nostro Paese.

A Palazzo Chigi, il gigante delle sigarette, con i vertici di Philip Morris Italia e International, ha firmato il verbale d'intesa programmatica con il ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali, alla presenza del presidente del Consiglio Matteo Renzi, del ministro delle Politiche agricole e forestali Maurizio Martina, del ministro dell'Ambiente e tutela del territorio e del mare, Gian Luca Galletti, per una partnership strategica, che prevede un investimento da parte della società americana di circa 80 milioni all'anno. La collaborazione durerà fino al 2020.

Philip Morris lavorerà a stretto contatto con il governo per supportare la filiera del tabacco. L'obiettivo, spiega l'azienda, è rendere il settore più competitivo, migliorare le condizioni di lavoro nelle aziende tabacchicole, garantire la tutela ambientale e la sostenibilità dei processi produttivi nella coltivazione del tabacco.

Dal 2000, ricorda Philip Morris "l'impegno nei confronti della tabacchicoltura italiana, sancito dal primo verbale d'intesa del 2005, ha generato quasi un miliardo di euro.

Con acquisti pari a circa il 50% dell'intera produzione nazionale di tabacco, Philip Morris Italia ha sostenuto il settore nello sviluppo di un modello innovativo di gestione agricola, il cui centro è rappresentato dai coltivatori. E il tabacco italiano, di altissima qualità, viene coltivato in Campania, Umbria, Veneto e Toscana.

Il ministro Martina sull'accordo firmato:

"Un'operazione molto consistente per noi perché consente al settore tabacchicolo italiano di programmare da qui al 2020 la produzione, di investire nel medio periodo e di rafforzare il rapporto straordinario che la produzione tabacchicola italiana ha con una grande, grandissima, azienda internazionale di primo livello".

Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Hogan: da Etihad e Abu Dhabi impegno per rilancio
Fed
Fed, Yellen vede tassi al 3% alla fine del 2019
Davos
Padoan da Davos: in Italia stiamo continuando riforme strttturali
Fs
Fs: firmato accordo, acquisisce la società greca Trainose
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina