sabato 03 dicembre | 07:59
pubblicato il 30/apr/2014 18:06

Tabacco: intesa Coldiretti-Philip Morris Italia per salvaguardia settore

(ASCA) - Roma, 30 apr 2014 - Contribuire a mantenere il lavoro in una filiera che occupa complessivamente circa 50mila addetti, nelle sole fasi di coltivazione e prima trasformazione, nei prossimi due anni con l'impegno a consegnare ed acquistare oltre il 40 per cento della produzione nazionale di tabacco a chilometri zero. Questo il senso dell'accordo sottoscritto dal presidente della Coldiretti, Roberto Moncalvo e dal Presidente di Philip Morris Italia, Eugenio Sidoli, con l'obiettivo di salvaguardare una coltivazione importante per l' economia di interi territori spesso senza alternative economicamente valide e caratterizzati da alti tassi di disoccupazione. L'accordo - si legge in una nota di Coldiretti - impegna la manifattura ad acquistare tabacco greggio delle varieta' Burley e FCV Bright, le principali coltivate in Italia, per i raccolti 2014 e 2015 e per un quantitativo complessivo di 21 milioni di chilogrammi di tabacco green annui, pari al 60 per cento della produzione di Burley e circa il 30 per cento del Bright. L'accordo intende proseguire quell'incisiva razionalizzazione e integrazione verticale tra produzione e manifattura che, accorciando la filiera, elimina inutili intermediazioni per garantire maggior reddito ai produttori e maggiore trasparenza ed efficienza. E' prevista l'adozione di specifici programmi per la divulgazione e il monitoraggio delle buone pratiche agricole (Good Agricolture Practices) e delle condizioni di lavoro dei lavoratori (Agricolture Labor Practices), volti a garantire la sostenibilita' ambientale della produzione e la responsabilita' sociale dei produttori che parteciperanno al contratto di fornitura. Saranno sviluppate - precisa ancora Coldiretti - attivita' collaterali per promuovere iniziative a tutela del consumatore e della legalita' e contro il contrabbando e la contraffazione, per la ricerca agronomica, la tutela dell'ambiente e la riduzione dei costi di produzione e nel settore socio-occupazionale per una piu' consapevole gestione dei rischi delle attivita' di coltivazione e raccolta.

L'accordo riguarda l'intera produzione acquistata sul territorio nazionale da Philip Morris che e' la prima manifattura in Italia e la Coldiretti auspica che al contratto di fornitura possano partecipare tutti i produttori che gia' hanno fornito tabacco alla manifattura in passato aderendo singolarmente al nuovo progetto. La produzione di tabacco in Italia e' stata, nel 2013, pari a 51,4 milioni di chilogrammi ed e' concentrata nelle regioni Veneto (25 per cento) , Umbria (29 per cento), Campania (35 per cento) e Toscana (7 per cento), ma e' presente anche nel Lazio, Abruzzo, Marche e Friuli Venezia Giulia.

red-glr/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari