martedì 17 gennaio | 04:01
pubblicato il 30/apr/2014 18:06

Tabacco: intesa Coldiretti-Philip Morris Italia per salvaguardia settore

(ASCA) - Roma, 30 apr 2014 - Contribuire a mantenere il lavoro in una filiera che occupa complessivamente circa 50mila addetti, nelle sole fasi di coltivazione e prima trasformazione, nei prossimi due anni con l'impegno a consegnare ed acquistare oltre il 40 per cento della produzione nazionale di tabacco a chilometri zero. Questo il senso dell'accordo sottoscritto dal presidente della Coldiretti, Roberto Moncalvo e dal Presidente di Philip Morris Italia, Eugenio Sidoli, con l'obiettivo di salvaguardare una coltivazione importante per l' economia di interi territori spesso senza alternative economicamente valide e caratterizzati da alti tassi di disoccupazione. L'accordo - si legge in una nota di Coldiretti - impegna la manifattura ad acquistare tabacco greggio delle varieta' Burley e FCV Bright, le principali coltivate in Italia, per i raccolti 2014 e 2015 e per un quantitativo complessivo di 21 milioni di chilogrammi di tabacco green annui, pari al 60 per cento della produzione di Burley e circa il 30 per cento del Bright. L'accordo intende proseguire quell'incisiva razionalizzazione e integrazione verticale tra produzione e manifattura che, accorciando la filiera, elimina inutili intermediazioni per garantire maggior reddito ai produttori e maggiore trasparenza ed efficienza. E' prevista l'adozione di specifici programmi per la divulgazione e il monitoraggio delle buone pratiche agricole (Good Agricolture Practices) e delle condizioni di lavoro dei lavoratori (Agricolture Labor Practices), volti a garantire la sostenibilita' ambientale della produzione e la responsabilita' sociale dei produttori che parteciperanno al contratto di fornitura. Saranno sviluppate - precisa ancora Coldiretti - attivita' collaterali per promuovere iniziative a tutela del consumatore e della legalita' e contro il contrabbando e la contraffazione, per la ricerca agronomica, la tutela dell'ambiente e la riduzione dei costi di produzione e nel settore socio-occupazionale per una piu' consapevole gestione dei rischi delle attivita' di coltivazione e raccolta.

L'accordo riguarda l'intera produzione acquistata sul territorio nazionale da Philip Morris che e' la prima manifattura in Italia e la Coldiretti auspica che al contratto di fornitura possano partecipare tutti i produttori che gia' hanno fornito tabacco alla manifattura in passato aderendo singolarmente al nuovo progetto. La produzione di tabacco in Italia e' stata, nel 2013, pari a 51,4 milioni di chilogrammi ed e' concentrata nelle regioni Veneto (25 per cento) , Umbria (29 per cento), Campania (35 per cento) e Toscana (7 per cento), ma e' presente anche nel Lazio, Abruzzo, Marche e Friuli Venezia Giulia.

red-glr/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Poste
Poste tutela volontariamente clienti investitori del fondo Irs
Fca
Fca, Berlino: richiamare Jeep Renegade, Fiat 500 e Doblò
Luxottica
Luxottica ed Essilor verso fusione, Luxottica vola in borsa (+13%)
Luxottica
Luxottica si unisce a Essilor, nasce leader prodotti per la vista
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello