lunedì 16 gennaio | 14:27
pubblicato il 21/set/2012 17:43

Sui telefonini più internet che sms, storico sorpasso

E' boom grazie all'uso di smartphone e tablet

Sui telefonini più internet che sms, storico sorpasso

Roma, (askanews) - Internet ovunque piace agli italiani che ormai sembrano non poter fare a meno di navigare in rete dal telefonino. La conferma di questa tendenza arriva dalla relazione annuale dell'Agcom che ha registrato uno storico sorpasso. Gli italiani, nel 2011, hanno speso di più per navigare su Internet dal cellulare che per inviare Sms. Un successo dovuto all'autetico boom che si è registrato nell'uso di smartphone e tablet. Lo scorso anno i ricavi da Sms sono comunque cresciuti 1,5% e sono stati pari a 2,33 miliardi di euro, mentre quelli relativi a Internet sono balzati del 17,7% a 2,41 miliardi.I telefonini sono diventati ormai lo strumento più comune per comunicare. Il traffico vocale da rete mobile è in crescita anche nel 2011, sfiorando nel complesso 136 miliardi di minuti, valore che ormai supera di oltre il 60% quello relativo alla rete fissa.

Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Calenda: no a nuova rinazionalizzazione
Fca
Fca, Calenda: Berlino si occupi di Volkswagen
Luxottica
Luxottica ed Essilor verso fusione, Luxottica vola in borsa (+13%)
Luxottica
Luxottica si unisce a Essilor, nasce leader prodotti per la vista
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Trump avverte Merkel su commercio: troppe Mercedes negli Usa
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
On line il sito del Fondo Astoi a tutela dei viaggiatori
Energia e Ambiente
Energia, Bellanova: Italia con Enea all'avanguardia internazionale
Moda
Milano Moda uomo, i quadri viventi di Antonio Marras
Scienza e Innovazione
Spazio, lanciato razzo di SpaceX dopo l'esplosione di settembre
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Anas: nel 2016 traffico in crescita, su tutta la rete +2,45%