martedì 17 gennaio | 15:53
pubblicato il 30/mag/2011 11:00

Sud/ Svimez: E' strategico, Nord da solo non è molla per ripresa

Centralità Mediterraneo, fiscalità differenziata, energia

Sud/ Svimez: E' strategico, Nord da solo non è molla per ripresa

Roma, 30 mag. (askanews) - Non è vero che "c'è un problema di crescita che riguarda soprattutto il Sud", mentre da solo il Nord "sarebbe una molla pronta a scattare al primo segno di ripresa". Anzi: oggi il Mezzogiorno si propone come "opportunità strategica del Sistema Italia". A sostenerlo il presidente dello Svimez, Adriano Giannola, secondo il quale però è necessario puntare su tre direttrici: centralità del Mediterraneo, fiscalità differenziata, politica industriale centrata su logistica e fonti energetiche alternative e tradizionali. E su quest'ultimo punto lo Svimez chiama direttamente in causa Enel ed Eni. "La dialettica tra unità politica e unificazione economica è il filo conduttore della nostra storia - ha detto Giannola parlando alla Camera dei deputati nell'ambito della Giornata di Studi della Svimez su 'Nord e Sud a 150 anni dall'Unità d'Italia' - e l'impegno all' unificazione economica è dunque una condizione oggi più necessaria di ieri per essere Sistema e protagonisti nei mercati globali". Per questo occorre "molto coraggio e visione condivisa per intraprendere questo progetto, lo stesso coraggio e visione che consentì nel secondo dopoguerra al Mezzogiorno di partecipare da protagonista al miracolo economico nazionale". Senza un progetto Sud forte e condiviso, infatti, il rischio è che, se non contrastato, il "silenzioso tsunami demografico ci consegnerà nel giro di poco più di trent'anni un Sud spopolato, anziano, cronicamente e ben più "patologicamente dipendente" di oggi per l' effetto congiunto di un declino nella fertilità, del progredire della speranza di vita e di una ben peculiare ripresa dell' emigrazione". Tre direttrici dunque: la ritrovata centralità del Mediterraneo, in cui il Sud ricopre una posizione avvantaggiata; la fiscalità differenziata, "da rivendicare con totale fermezza in sede europea, per permettere una maggiore attrazione di investimenti italiani e stranieri"; una politica industriale centrata su logistica, fonti energetiche (alternative e tradizionali) e su una dotazione di risorse ambientali nettamente superiore a quella del resto del Paese. E a questo proposito, Giannola, chiama direttamente in causa Enel ed Eni: "Così come la Basilicata rappresenta la Mecca petrolifera nazionale, e il Sud quello delle fonti rinnovabili e sostenibili in generale, la Campania e, in generale il Mezzogiorno tirrenico rappresenta la Mecca dell'inesplorato ma promettente campo della geotermia... Ed è quindi misterioso ed assordante il silenzio e l' inazione dei nostri campioni (Enel ed Eni in primo luogo, che pur in altri continenti sono produttori leader proprio in questo settore)".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Poste
Poste tutela volontariamente clienti investitori del fondo Irs
Fca
Fca, Berlino: richiamare Jeep Renegade, Fiat 500 e Doblò
Auto
Fca, anche a dicembre vendite in Europa meglio del mercato
Fca
Fca, Delrio: richieste Germania? A Italia non si danno ordini
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Vola il mercato dell'auto nel 2016, crescita a due cifre per Fca
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda Milano, guardaroba Trussardi per l'uomo s'ispira ai tarocchi
Scienza e Innovazione
Avviata Consulta dei Presidenti degli Enti Pubblici di Ricerca
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa