venerdì 24 febbraio | 23:48
pubblicato il 15/nov/2014 12:20

Studenti si confrontano col futuro alla Giornata Orientagiovani

Confindustria a R. Emilia fa incontrare imprenditori e insegnanti

Studenti si confrontano col futuro alla Giornata Orientagiovani

Milano, 15 nov. (askanews) -

Studenti scoprono la fabbrica alla Giornata dell'Orientagiovani

Confindustria a R. Emilia fa incontrare imprenditori e insegnanti

Reggio Emilia, (askanews) - "Il futuro è vostro, in tutto quello che fate dovete sempre metterci cuore, passione e determinazione". E' questo il consiglio che il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, ha suggerito a mille studenti convocati al teatro Ariosto di Reggio Emilia per "Fabbricazione. La meccanica del sapere" l'iniziativa promossa in occasione della ventunesima Giornata nazionale Orientagiovani.

Sul palco, sotto la regia di Dj Francesco, insegnanti, presidi, imprenditori di successo del settore della meccanica, per presentare best practice ed esperienze vissute dagli studenti delle scuole superiori grazie a progetti di alternanza scuola-lavoro. Per Squinzi i giovani oggi hanno molti più strumenti per aprirsi sul mondo e quindi partono con un bel vantaggio.

"Credo si possa migliorare il rapporto scuola e mondo dell'impresa nell'area dell'apprendistato: uno scambio più frequente e più organizzato garantendo una permanenza a chi è nella scuola nell'impresa".

In contemporanea all'evento emiliano 90 associazioni del sistema Confindustriale hanno organizzato altri eventi di orientamento che hanno coinvolto circa 40 mila studenti durante i quali sono stati presentati 40 progetti di job shadow, imprenditore per un giorno.

Per Ivan Lo Bello, vicepresidente di Confindustria per l'education è fondamentale investire nella scuola.

"Con questi enormi cambiamenti tecnologici la scuola è l'unica che può dare ai ragazzi una competenza e una visione del futuro. Questa è una sfida importantissima: se la scuola non svolge questa funzione il rischio per il Paese è fortissimo.

I ragazzi quando finiscono la scuola vanno nelle aziende, la domanda pubblica ormai è molto bassa, quindi pensare un rapporto tra scuola e mondo delle imprese è la fortuna per i ragazzi".

Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Ball: accordo con sindacati condizione imprescindibile
Banche
Rbs, in nove anni 60 mld di perdite e 45 mld di aiuti di Stato
Mediaset
Mediaset a Vivendi: esposto alla Procura fondato e documentato
Germania
Cina primo partner commerciale della Germania: scalzati Usa
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech