domenica 11 dicembre | 11:19
pubblicato il 27/ago/2012 20:02

Stretta su fumo, bibite e videopoker: arriva il decretone Sanità

Slot almeno 1/2 km da scuole.Multe salate per sigarette ai minori

Stretta su fumo, bibite e videopoker: arriva il decretone Sanità

Roma, 27 ago. (askanews) - Tasse su bibite e superalcolici e stretta sul fumo e i videopoker. Sono alcune delle misure contenute nei 27 articoli del cosiddetto decretone, secondo la bozza della miniriforma della Sanità targata Balduzzi, presentata il 24 agosto alle regioni e che il 31 agosto dovrebbe approdare in Cdm. Nel capo II della bozza, "Promozione di corretti stili di vita e riduzione dei rischi sanitari connessi all'alimentazione e alle emergenze veterinarie, all'articolo 11, comma 4, si legge infatti: "Con decreto del ministro dell'Economia e delle finanze, di concerto con il ministro della Salute, è introdotto per tre anni un contributo straordinario a carico dei produttori di bevande analcoliche con zuccheri aggiunti e con edulcoranti, in ragione di 7,16 euro per ogni 100 litri immessi sul mercato, nonché a carico di produttori di superalcolici in ragione di 50 euro per ogni 100 litri immessi sul mercato". Chi vende sigarette ai minorenni rischia multe salate: fino a mille euro, e per i recidivi fino a 2 mila euro e sospensione 3 mesi dell'attività. Nel capo II della bozza, all'articolo 11, "Disposizioni in materia di vendita di prodotti del tabacco, di bevande e misure di prevenzione per contrastare la dipendenza da gioco d a'azzardo patologico", al comma 1 si legge infatti: "Chiunque vende o somministra i prodotti del tabacco ai minori di anni 18 è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da 250 a 1.000 euro. Se il fatto è commesso più di una volta si applica la sanzione amministrativa pecuniaria da 500 a 2.000 euro e la sospensione, per tre mesi, della licenza all'esercizio dell'attività". Con la bozza del decretone viene riconosciuta e introdotta nei Lea la ludopatia e sono previste misure di prevenzione contro il gioco d'azzardo patologico, tra cui l'obbligo di posizionare le macchinette lontano, almeno 500 metri, da scuole, centri giovanili, ospedali e luoghi di culto. Il capo I del decreto infatti - "Norme per la razionalizzazione dell'attività assistenziale e sanitaria" - all'articolo 11, prevede misure di prevenzione per contrastare la dipendenza da gioco d a'azzardo patologico. In particolare, il comma 5 stabilisce che "gli apparecchi idonei al gioco d'azzardo non possono essere installati all'interno ovvero in un raggio di 500 metri da istituti scolastici di qualsiasi grado, centri giovanili o altri istituti frequentati principalmente da giovani, strutture residenziali o semiresidenziali operanti in ambito sanitario o socio assistenziale, luoghi di culto".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina