giovedì 23 febbraio | 06:15
pubblicato il 26/lug/2016 15:19

Statali, sindacati: ok confronto ma più risorse per i contratti

Cgil, Cisl e Uil chiedono aumenti simili a settore privato

Statali, sindacati: ok confronto ma più risorse per i contratti

Roma, 26 lug. (askanews) - Le categorie del pubblico impiego di Cgil, Cisl e Uil esprimono un giudizio "positivo" sull'avvio del confronto con il ministro della Funzione pubblica, Marianna Madia, per il rinnovo dei contratti pubblici e la riorganizzazione della Pubblica amministrazione. Ma chiedono al Governo di fare "uno sforzo maggiore" per reperire più risorse per i contratti bloccati ormai da quasi sette anni. I sindacati chiedono aumenti minimi tabellari a regime simili a quelli del settore privato, tra gli 80 e i 120 euro medi lordi mensili. La richiesta delle categorie era di 150 euro. Nella precedente Legge di stabilità, il Governo ha stanziato però 300 milioni di euro per ognuno dei tre anni di vigenza contrattuale pari ad un incremento medio dello 0,4%. Il rinnovo riguarda 3,2 milioni di lavoratori pubblici.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps, Pagani: ancora qualche settimana con Ue, siamo positivi
Alitalia
Alitalia, sindacati disertano tavolo Assaereo su contratto
Alitalia
Alitalia, Uilt: pronti a nuovi scioperi, domani confermato
Alitalia
Alitalia, domani sciopero di 4 ore. Sindacati pronti a nuovi stop
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Nasa: scoperti sette esopianeti simili alla Terra
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech