sabato 21 gennaio | 07:56
pubblicato il 26/lug/2016 15:19

Statali, sindacati: ok confronto ma più risorse per i contratti

Cgil, Cisl e Uil chiedono aumenti simili a settore privato

Statali, sindacati: ok confronto ma più risorse per i contratti

Roma, 26 lug. (askanews) - Le categorie del pubblico impiego di Cgil, Cisl e Uil esprimono un giudizio "positivo" sull'avvio del confronto con il ministro della Funzione pubblica, Marianna Madia, per il rinnovo dei contratti pubblici e la riorganizzazione della Pubblica amministrazione. Ma chiedono al Governo di fare "uno sforzo maggiore" per reperire più risorse per i contratti bloccati ormai da quasi sette anni. I sindacati chiedono aumenti minimi tabellari a regime simili a quelli del settore privato, tra gli 80 e i 120 euro medi lordi mensili. La richiesta delle categorie era di 150 euro. Nella precedente Legge di stabilità, il Governo ha stanziato però 300 milioni di euro per ognuno dei tre anni di vigenza contrattuale pari ad un incremento medio dello 0,4%. Il rinnovo riguarda 3,2 milioni di lavoratori pubblici.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Messina: da tutti c'è volontà di risolvere situazione
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Ue
Antonio Fazio: disoccupazione e povertà grandi mali d'Europa
Mediaset
Mediaset, P.S. Berlusconi: Vivendi? Se ne esce per vie legali
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4