lunedì 05 dicembre | 05:33
pubblicato il 30/nov/2016 12:24

Statali, Madia: 85 euro sono medi e non minimi

Per i sindacati questo punto va invece cambiato

Statali, Madia: 85 euro sono medi e non minimi

Roma, 30 nov. (askanews) - Resta il nodo degli 85 euro lordi mensili al tavolo per il rinnovo dei contratti pubblici. Secondo quanto riferiscono fonti presenti a Palazzo Vidoni, il ministro della Funzione pubblica, Marianna Madia, ha confermato che l'impegno del Governo è per aumenti contrattuali pari a 85 euro lordi mensili e che, pertanto, questa cifra non può rappresentare i minimi. Madia avrebbe sottolineato che il Governo si può impegnare per obiettivi chiari in base alle risorse a disposizione.

I sindacati, invece, chiedono di modificare questo punto. Per Cgil, Cisl e Uil gli aumenti retributivi devono essere non inferiori a 85 euro. Le tre confederazioni chiedono anche che l'eventuale accordo valga per tutti i comparti pubblici e, quindi, anche per la scuola. Secondo le stesse fonti presenti alla riunione la leader della Cisl, Annamaria Furlan, avrebbe esplicitamente chiesto al ministro Madia di togliere l'aggettivo medio dalla bozza di intesa e di far valere l'accordo per tutti i comparti pubblici. Inoltre, di finanziare la contrattazione di secondo livello per organizzare meglio la pubblica amministrazione.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari