venerdì 20 gennaio | 07:17
pubblicato il 06/giu/2015 16:54

Squinzi: Ue buracratica non mi piace ma uscita da euro devastante

Il presidente di Confindustria replica alle tesi di Salvini

Squinzi: Ue buracratica non mi piace ma uscita da euro devastante

Santa Margherita Ligure (Genova) (askanews) - "Credo fortemente nell'Europa, ma questa Europa burocratica non mi piace". Tuttavia, "l'uscita dall'euro sarebbe devastante, perchè significherebbe una riduzione del Pil del 20-30%". Così il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, replica alle tesi del leader della Lega, Matteo Salvini, ribadite ieri al convegno dei giovani imprenditori.

"L'euro è una scelta irreversibile - ha aggiunto Squinzi concludendo l'appuntamento di Santa Margherita - ma è responsabilità di tutta la politica europea credere nell'Europa e arrivare a una integrazione totale. Questa è la vera sfida".

Gli articoli più letti
Petrolio
Petrolio, Aie rivede al rialzo domanda mondiale, cala offerta Opec
Ilva
Ilva, Laghi: in 2016 produzione +23% con 5,8 mln tonnellate
Bce
Bce conferma a zero principale tasso di interesse dell'area euro
Inps
Inps: a dicembre autorizzate 37,8 mln ore Cig, su anno -11%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale