domenica 26 febbraio | 05:28
pubblicato il 06/giu/2015 16:54

Squinzi: Ue buracratica non mi piace ma uscita da euro devastante

Il presidente di Confindustria replica alle tesi di Salvini

Squinzi: Ue buracratica non mi piace ma uscita da euro devastante

Santa Margherita Ligure (Genova) (askanews) - "Credo fortemente nell'Europa, ma questa Europa burocratica non mi piace". Tuttavia, "l'uscita dall'euro sarebbe devastante, perchè significherebbe una riduzione del Pil del 20-30%". Così il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, replica alle tesi del leader della Lega, Matteo Salvini, ribadite ieri al convegno dei giovani imprenditori.

"L'euro è una scelta irreversibile - ha aggiunto Squinzi concludendo l'appuntamento di Santa Margherita - ma è responsabilità di tutta la politica europea credere nell'Europa e arrivare a una integrazione totale. Questa è la vera sfida".

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech