sabato 03 dicembre | 15:22
pubblicato il 06/giu/2015 16:54

Squinzi: Ue buracratica non mi piace ma uscita da euro devastante

Il presidente di Confindustria replica alle tesi di Salvini

Squinzi: Ue buracratica non mi piace ma uscita da euro devastante

Santa Margherita Ligure (Genova) (askanews) - "Credo fortemente nell'Europa, ma questa Europa burocratica non mi piace". Tuttavia, "l'uscita dall'euro sarebbe devastante, perchè significherebbe una riduzione del Pil del 20-30%". Così il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, replica alle tesi del leader della Lega, Matteo Salvini, ribadite ieri al convegno dei giovani imprenditori.

"L'euro è una scelta irreversibile - ha aggiunto Squinzi concludendo l'appuntamento di Santa Margherita - ma è responsabilità di tutta la politica europea credere nell'Europa e arrivare a una integrazione totale. Questa è la vera sfida".

Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Ilva
Ilva, accordo con la famiglia Riva: disponibili oltre 1,3 mld
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari