giovedì 23 febbraio | 08:28
pubblicato il 10/dic/2013 09:41

Squinzi: segnali debolissimi per ripresa, non c'è ottimismo

In giro per il Paese colgo tanta disperazione

Squinzi: segnali debolissimi per ripresa, non c'è ottimismo

Napoli, (askanews) - Bisogna mettere mano alle riforme per far ripartire la crescita in Italia, ne è convinto il leader di Confindustria, Giorgio Squinzi, che da un convegno organizzato dagli industriali a Napoli, non nasconde preoccupazione per la situazione."Ci sono segnali di ripresa debolissimi, soprattutto dettati dalla congiuntura internazionale e non si possono cogliere con un ottimismo particolare, "Colgo tanta disperazione in giro per il paese per il credito, i mancati pagamenti della Pubblica amministrazione, la non competitività del costo del lavoro. Di problemi non ne abbiamo risolto ancora nessuno".La stabilità politica è "fondamentale per un governo di medio-lungo termine, ma non possiamo concedere apertura di credito in bianco" Ha concluso il presidente di Confindustria.

Gli articoli più letti
Mps
Mps, Pagani: ancora qualche settimana con Ue, siamo positivi
Alitalia
Alitalia, Uilt: pronti a nuovi scioperi, domani confermato
Alitalia
Alitalia, domani sciopero di 4 ore. Sindacati pronti a nuovi stop
Intesa Sp
Intesa Sp, Gros-Pietro: Generali non ha chiesto ingresso in Cda
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
A Tallinn in Estonia un robot fattorino fa consegne a domicilio
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech