lunedì 23 gennaio | 08:24
pubblicato il 10/dic/2013 09:41

Squinzi: segnali debolissimi per ripresa, non c'è ottimismo

In giro per il Paese colgo tanta disperazione

Squinzi: segnali debolissimi per ripresa, non c'è ottimismo

Napoli, (askanews) - Bisogna mettere mano alle riforme per far ripartire la crescita in Italia, ne è convinto il leader di Confindustria, Giorgio Squinzi, che da un convegno organizzato dagli industriali a Napoli, non nasconde preoccupazione per la situazione."Ci sono segnali di ripresa debolissimi, soprattutto dettati dalla congiuntura internazionale e non si possono cogliere con un ottimismo particolare, "Colgo tanta disperazione in giro per il paese per il credito, i mancati pagamenti della Pubblica amministrazione, la non competitività del costo del lavoro. Di problemi non ne abbiamo risolto ancora nessuno".La stabilità politica è "fondamentale per un governo di medio-lungo termine, ma non possiamo concedere apertura di credito in bianco" Ha concluso il presidente di Confindustria.

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4