domenica 04 dicembre | 11:30
pubblicato il 10/dic/2013 09:41

Squinzi: segnali debolissimi per ripresa, non c'è ottimismo

In giro per il Paese colgo tanta disperazione

Squinzi: segnali debolissimi per ripresa, non c'è ottimismo

Napoli, (askanews) - Bisogna mettere mano alle riforme per far ripartire la crescita in Italia, ne è convinto il leader di Confindustria, Giorgio Squinzi, che da un convegno organizzato dagli industriali a Napoli, non nasconde preoccupazione per la situazione."Ci sono segnali di ripresa debolissimi, soprattutto dettati dalla congiuntura internazionale e non si possono cogliere con un ottimismo particolare, "Colgo tanta disperazione in giro per il paese per il credito, i mancati pagamenti della Pubblica amministrazione, la non competitività del costo del lavoro. Di problemi non ne abbiamo risolto ancora nessuno".La stabilità politica è "fondamentale per un governo di medio-lungo termine, ma non possiamo concedere apertura di credito in bianco" Ha concluso il presidente di Confindustria.

Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari