lunedì 05 dicembre | 18:26
pubblicato il 24/set/2014 11:47

Squinzi: ricostruire fiducia consumatori e investitori

Bene dato Istat su fiducia (ASCA) - Verona, 24 set 2014 - "Dobbiamo ricostituire la fiducia da parte dei consumatori perche' e' fondamentale per ritrovare anche la fiducia degli investitori, che e' la cosa piu' importante''.

Lo dice Giorgio Squinzi, presidente di Confindustria, commentando il dato Istat sulla fiducia dei consumatori, in leggera crescita. "Se non saremo capaci di farlo il Paese non riparte", ha puntualizzato il presidente. "Noi ce lo auguriamo", ha aggiunto per quanto riguarda la prossima fine della crisi.

"La domanda interna purtroppo per il momento non la vediamo ancora. Pero' ci sono in giro per il mondo dove e' ripartita, in modo particolare gli Stati Uniti", ha proseguito Squinzi che si e' soffermato sulle indiscrezioni che riguardano la possibilita' di un provvedimento nella legge di stabilita' che sposterebbe il 50% del Tfr nelle buste paga. ''E' una situazione molto complessa. Poi bisogna vedere che drenaggio effettivo di liquidita' verra' fuori sulle imprese", ha concluso.

fdm/Sam

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Ferrero
Ferrero si 'mangia' i biscotti belgi Delacre
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Cambi
Cambi, euro in calo sul dollaro ai minimi da 21 mesi
Fs
Antitrust: indagini su Trenitalia e Ntv per pratiche scorrette
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Accordo Altec-Virgin Galactic: l'Italia avrà il suo spazioporto
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari