venerdì 24 febbraio | 02:24
pubblicato il 29/mag/2014 12:00

Squinzi: non rassegnati a Paese stanco, costruire Italia nuova

"Possiamo tornare a crescere ma occorrono le riforme"

Squinzi: non rassegnati a Paese stanco, costruire Italia nuova

Roma, 29 mag. (askanews) - "Non è questa l'Italia che vogliamo. Non ci rassegniamo a un Paese stanco e sfiduciato". Ora "è arrivato il momento di costruire un'Italia nuova". E' questo il messaggio lanciato dal presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, dal palco dell'assemblea pubblica dell'associazione degli industriali. Gli imprenditori, dunque, non si rassegnano a un Paese "vittima di mali antichi, astruso e ostile alla cultura dell'impresa, del merito e del rischio". Anche perchè, secondo Squinzi, l'Italia rappresentata dagli imprenditori "può tornare a crescere in modo robusto". Ma occorrono "riforme che - è la richiesta di Squinzi - rendano l'Italia più leggera e semplice, trasparente, capace di tornare a volare come è stato nel secondo dopoguerra e come è nei nostri mezzi". Da questa crisi "possiamo uscire - ha concluso - solo decidendo ciò che da almeno due decenni non abbiamo avuto il coraggio di fare: cambiare facendo".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Unicredit
Unicredit: sottoscritto il 99,8% dell'aumento da 13 miliardi
P.A.
P.A., Madia: pronti a riavviare percorso per rinnovo contratto
Mps
Mps, Ft: Bruxelles e Bce divise sul salvataggio
P.A.
P.A., Madia: ok a ultimi cinque decreti, completata la riforma
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech