martedì 24 gennaio | 12:28
pubblicato il 29/mag/2014 12:00

Squinzi: non rassegnati a Paese stanco, costruire Italia nuova

"Possiamo tornare a crescere ma occorrono le riforme"

Squinzi: non rassegnati a Paese stanco, costruire Italia nuova

Roma, 29 mag. (askanews) - "Non è questa l'Italia che vogliamo. Non ci rassegniamo a un Paese stanco e sfiduciato". Ora "è arrivato il momento di costruire un'Italia nuova". E' questo il messaggio lanciato dal presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, dal palco dell'assemblea pubblica dell'associazione degli industriali. Gli imprenditori, dunque, non si rassegnano a un Paese "vittima di mali antichi, astruso e ostile alla cultura dell'impresa, del merito e del rischio". Anche perchè, secondo Squinzi, l'Italia rappresentata dagli imprenditori "può tornare a crescere in modo robusto". Ma occorrono "riforme che - è la richiesta di Squinzi - rendano l'Italia più leggera e semplice, trasparente, capace di tornare a volare come è stato nel secondo dopoguerra e come è nei nostri mezzi". Da questa crisi "possiamo uscire - ha concluso - solo decidendo ciò che da almeno due decenni non abbiamo avuto il coraggio di fare: cambiare facendo".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: manovra fa aumentare debito
Cambi
Protezionismo Trump riporta il dollaro ai minimi da dicembre
Bce
Draghi: collaborazione Stati invece di "richiami a cupi passati"
Generali
Battaglia su Generali infiamma titolo, vola Mediobanca
Altre sezioni
Salute e Benessere
Al via Peter Baby Bio, progetto toscano per omogeneizzati Km zero
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: strategia Ue premessa solido sviluppo attività
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4