domenica 26 febbraio | 22:54
pubblicato il 09/giu/2014 12:00

Squinzi: imprenditori corrotti non possono stare tra noi

"Siamo noi i primi a essere danneggiati"

Squinzi: imprenditori corrotti non possono stare tra noi

Milano, 9 giu. (askanews) - Gli imprenditori corrotti "non possono stare tra noi. Questo deve essere chiaro. Siamo noi i primi a essere danneggiati". Così il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, nel suo intervento all'assemblea di Assolombarda. Squinzi ha sottolineato: "non ci interessa sapere se gli imprenditori che corrompono lo fanno perché obbligati o per vero e proprio spirito doloso". Secondo il numero uno di Confindustria, per combattere la corruzione bisogna "ridurre seriamente i costi di funzionamento della burocrazia", perché è proprio la burocrazia che "fa prosperare la corruzione, l'evasione e il malaffare". "Noi lavoriamo nelle regole - ha continuato Squinzi - e le rispettiamo e chi non lo fa deve stare fuori da casa nostra. Noi un vogliamo un paese efficiente e trasparente".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Lavoro
Lavoro, Renzi: rivoluzionerò welfare con lavoro di cittadinanza
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech