lunedì 27 febbraio | 22:17
pubblicato il 17/ott/2013 12:00

Squinzi: auspico il Parlamento cambi faccia a legge Stabilità

Spero sia sufficiente, al momento però non farà ripartire Paese

Squinzi: auspico il Parlamento cambi faccia a legge Stabilità

Bologna, 17 ott. (askanews) - Gli industriali auspicano che il dibattito in Parlamento sarà sufficiente per cambiare la fisionomia della legge di stabilità licenziata dal Consiglio dei ministri perché, al momento, non farà ripartire il Paese. E' l'auspicio del presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi a margine del Saie di Bologna. Con il governo "abbiamo un colloquio continuo - ha precisato Squinzi - le nostre idee le portiamo avanti con tutte le strutture dei ministeri. Pensiamo che" la legge di stabilità "si possa migliorare in fase di dibattito parlamentare e di conversione definitiva". "Ci auguriamo che questo - ha aggiunto - sia sufficiente per far cambiare un po' la faccia di questa manovra che, da quello che abbiamo visto finora, non farà ripartire il Paese".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia: liquidità al limite, tagli potrebbero salire a 400 mln
Generali
Intesa SanPaolo vola in borsa dopo no a Generali: mercato approva
Borsa
In bilico fusione Lse-Deutsche Borse, nodo mercato titoli Stato
Ue
Regioni: Lombardia la più competitiva in Italia, 143esima in Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech