martedì 06 dicembre | 20:57
pubblicato il 30/ott/2013 16:17

Sprechi: Finco, 381 opere incompiute. Spicca costruzione nuove caserme

S(ASCA) - Roma, 30 ott - Al via la pubblicazione dell' ''Anagrafe sulle opere incompiute'' del nostro Paese. Lo comuica una nota di Finco.

''Vede finalmente la luce questa banca dati che fissa la situazione di centinaia di investimenti in iniziative attivate dalle Amministrazioni che, per cause diverse, sono rimaste incomplete e quindi non fruibili dalla collettivita', rappresentando un gravissimo spreco di risorse pubbliche'' spiega la nota.

''Dobbiamo al Ministero delle infrastrutture e trasporti ed in particolare alla Direzione Generale per la Regolazione ed i Contratti'', sostiene la presidente Finco, Carla Tomasi, '' questa prova del fatto che quando si vuole e c'e' la competenza, la tenacia e l'abnegazione, anche nelle P.A.

possono essere portate a termine operazioni di buona amministrazione con le sole risorse interne e senza quindi ulteriori spese per la collettivita'''.

Dall'elenco, per ora mancante delle sole Regioni Liguria, Friuli-Venezia Giulia, Sicilia, Sardegna e della Provincia autonoma di Trento, emerge che le opere incompiute finora comunicate sono 381 (con una punta di 53 nel Lazio). Il totale del valore delle opere realizzate ammonta a 1.468.247.721,78 euro. La parte incompiuta viene ad oggi stimata in 918.562.303,44 euro.

E' da notare che tra le opere incompiute a livello nazionale, molte riguardano la costruzione di nuove caserme (non sarebbe meglio razionalizzare tali allocazioni arrivando ad una integrazione almeno logistica con la Polizia?!).

Il naturale impulso per nuovi investimenti puo' venire proprio dai fondi delle opere incompiute, come Finco stessa a suo tempo, suggeriva nel Progetto ''Per un'Italia piu' bella e piu' sicura''.

L'elenco ha la finalita' di coordinare, a livello informativo e statistico, i dati circa tali opere da parte delle amministrazioni statali, regionali e locali, onde disporre di uno strumento conoscitivo volto ad individuare, in modo razionale ed efficiente, le soluzioni per l'utilizzo ottimale attraverso il completamento ovvero il riuso ridimensionato delle stesse, anche con diversa destinazione rispetto a quella originariamente prevista. ''La banca dati e' prodromica ad una corretta programmazione degli interventi sia a livello nazionale che territoriale e siamo sicuri, conclude Carla Tomasi, che sotto l'egida dell'Avv. Veca tali finalita' verranno puntualmente monitorate''.

red/men

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche, Dombrovskis: l'Italia è preparata se e quando servisse
Lego
Lego, la dinastia Kirk Kristiansen blinda il futuro dei mattoncini
Bce
Il direttorio Bce decide giovedì su proroga al piano di stimoli
Borsa
Seduta sprint per Piazza Affari (+4,15%), maxi-rimbalzo banche
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Veronafiere,Danese:con Vinitaly salto qualità nei paesi asiatici
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Robotica soft, macchine più versatili ispirate a piante e animali
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni