sabato 25 febbraio | 20:17
pubblicato il 12/lug/2014 12:10

Sportelli pubblici: Cgia, per i cittadini attese sempre piu' lunghe

(ASCA) - Roma, 12 lug 2014 - E' l'incubo che ogni cittadino italiano vorrebbe evitare: la coda agli sportelli pubblici.

Purtroppo, nonostante l'impegno profuso dagli uffici e le promesse annunciate in questi ultimi anni dalla politica, i tempi di attesa, sostiene la CGIA, sono in aumento. Negli ultimi 10 anni, il numero di persone che attendono piu' di 20 minuti agli sportelli dell'ufficio anagrafe e' cresciuto del 43,7 per cento. Infatti, nel 2003 12,6 persone su 100 lamentavano tempi di attesa superiori ai 20 minuti: 10 anni dopo, la coda all'anagrafe e' arrivata a durare piu' di 20 minuti per ben 18,1 persone su 100. Tale tendenza e' riscontrabile dalle varie Indagini multiscopo sulle famiglie realizzate annualmente dall'Istat.

Per quanto concerne gli sportelli Asl, invece, nell'ultimo decennio l'incremento delle ''vittime'' dell'inefficienza della sanita' pubblica e' stato del 21,2 per cento. Se nel 2003 ben 41 persone su 100 avevano riscontrato un'attesa allo sportello superiore ai venti minuti, dieci anni dopo la fila si e' idealmente ''allungata'' di 8 persone. In altre parole, nel 2013 ben 49,7 persone su 100 hanno denunciato di aver atteso piu' di 20 minuti di fronte agli sportelli dell'Asl.

red-uda/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech