sabato 03 dicembre | 03:26
pubblicato il 03/mar/2014 12:16

Spending review: Enac, dal 1* marzo tagli costo personale per 3 mln

(ASCA) - Roma, 3 mar 2014 - Dal 1* marzo, in ottemperanza alle disposizioni derivate dalla spending review, e' entrata in vigore la nuova organizzazione dell'Enac, da oggi pienamente operativa, che ha visto una riduzione del 20% dell'organico a causa del mancato turn over imposto dalle leggi in materia di contenimento della spesa pubblica. La rimodulazione organizzativa comporta un apprezzabile risparmio dei costi di gestione, soprattutto di quelli relativi al personale, che, orientativamente, a regime superera' nel complesso i 3 milioni di euro all'anno. L'Enac, che da sempre chiude il proprio bilancio in attivo, ha dato pieno seguito alle richieste di contenimento della spesa pubblica anche con il varo della nuova organizzazione.

A fronte della riduzione del 20% del personale dirigenziale corrispondente a 16 direzioni, l'Enac ha dovuto operare una profonda rivisitazione dell'intero assetto organizzativo intervenendo anche con la razionalizzazione delle competenze in capo alle singole direzioni. com-sen/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari