giovedì 08 dicembre | 07:19
pubblicato il 21/mar/2014 11:31

Spending review: Confcommercio, unica strada. Spesa al 44% del Pil

(ASCA) - Cernobbio (Co), 21 mar 2014 - Una spending review ''corretta e incisiva'' e' ''la sola strada'' percorribile per arginare il fenomeno dell'eccessiva spesa pubblica italiana, pari nel 2013 al 44% del Pil. Il rapporto redatto dall'Ufficio Studi di Confcommercio sulla 'Spesa pubblica regionale' non lascia spazio a interpretazioni: e' la spesa pubblica, in particolare quella delle regioni, a presentare i piu' ampi margini di intervento ''per liberare risorse da utilizzare nella riduzione della pressione fiscale''.

Secondo il pool di tecnici diretto da Mariano Bella, ''c'e' necessita' e urgenza di questa azione''. Come''? ''Eliminando inefficienze e sprechi - si legge nello studio di Confcommercio presentato questa mattina in occasione della giornata di apertura del tradizionale forum di Cernobbio - da destinare in parte a riduzione del carico fiscale e in parte a re-investimento in aree dell'intervento pubblico produttive di benefici per i cittadini''.

Il Report calcola quale sia l'effettivo 'peso' economico sostenuto da un nucleo familiare 'medio' per pagare la spesa pubblica italiana. ''Una famiglia di tre persone - si legge nello studio - ha speso, nel corso del 2013, piu' o meno 4.100 euro per interessi sul debito pubblico, 2.100 euro per sostenere i sussidi alle imprese, 8.200 euro per dipendenti pubblici (parlamentari e sindaci inclusi). Questi esempi chiariscono dove vada a finire il 44% del Pil prodotto da ciascun italiano, attraverso la pressione fiscale che estrae risorse da destinare alla spesa pubblica''.

Sono anni che Confcommercio batte sempre sullo stesso tasto: meno tasse sul lavoro e sulle imprese. Solo cosi', secondo la Confederazione di Piazza Belli, sara' possibile ''generare quello shock positivo dal lato dell'offerta in grado di far tornare a crescere il reddito e l'occupazione'' e percio' ''per riavviare il meccanismo della crescita, ormai inceppato da troppo tempo''. Un obiettivo possibile ''solo attraverso il reperimento di risorse, non gia' per via redistributiva, cioe' modificando il mix delle entrate - una chimera perniciosamente, bensi' tramite una razionalizzazione della spesa pubblica che consenta di eliminare i molti spechi e le molte inefficienze che vi si annidano''.

fcz/rf/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps: Vigilanza Bce studia proroga fino a 31 gennaio
Banche
I 5 requisiti necessari a un eventuale "salva banche" con l'Esm
Banche
Ue multa Agricole, Hsbc e JPMorgan su cartello Euribor: 485 mln
L.Bilancio
L.Bilancio: Senato approva fiducia con 173 sì
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni