domenica 22 gennaio | 14:05
pubblicato il 18/mar/2014 18:23

Spending Review: Cgil, ancora cassa su pensioni e accanimento su donne

(ASCA) - Roma, 18 mar 2014 - ''Ancora un'operazione di cassa sulle pensioni, in perfetta continuita' col passato, insieme ad un particolare accanimento sulle donne?''. E' quanto afferma il segretario confederale della Cgil, Vera Lamonica, in merito al piano Cottarelli di Spending Review, per quanto riguarda i capitoli welfare e previdenza, nel sottolineare come ''si prevedono pesanti riduzioni del nostro sistema di welfare, senza contemplare che i tagli nel welfare sono tagli alle prestazioni, rendono piu' debole cio' che e' gia' debole''. Secondo la dirigente sindacale, nel merito, ''si parla di nuovo di voler legare il diritto all'indennita' di accompagnamento a limiti di reddito familiare, dicendo addirittura che se si potesse applicare la nuova misura non solo alle nuove domande ma anche alle indennita' gia' concesse i risparmi sarebbero sicuramente piu' elevati.

Analogo discorso viene fatto per ridurre le invalidita' civili: come se negli ultimi anni non si fossero gia' fatte campagne contro gli abusi andando soltanto a penalizzare i veri invalidi''. Per Lamonica, inoltre, ''misure estremamente pesanti si prospettano per quanto riguarda la previdenza. Ancora una volta si vanno a colpire i pensionati e le donne, in particolare queste ultime per quanto riguarda l'innalzamento di un anno in piu' di contributi per andare in pensione di anzianita'''. Su quest'ultimo punto, la Cgil si augura che ''con la nuova richiesta dell'Ue sull'allineamento della contribuzione per le donne, non si voglia ripetere l'esperienza del governo Berlusconi, che innalzo' di un colpo a 65 anni l'eta' per la pensione delle donne del Pubblico Impiego, con ulteriore penalizzazione delle donne, e che anzi l'occasione venga colta per intervenire su uno dei punti piu' delicati ed iniqui della riforma Fornero: abbassando per gli uomini l'eta' di accesso e favorendo per le donne la valorizzazione contributiva per i periodi di lavoro di cura. Si ripropone insomma, l'esigenza di intervenire su un impianto normativo che si rivela sempre piu' socialmente insostenibile''.

Ma non e' questa per Lamonica ''l'unica misura contro le donne visto che nel piano Cottarelli si parla anche di misure per ridurre le pensioni di reversibilita'; cosi' come di 'maggiore deindicizzazione delle pensioni nel 2015', anche se non si precisano le misure che si intendono adottare, mentre appare purtroppo abbastanza chiaro il contributo temporaneo (per quanto tempo?) che viene richiesto sulle pensioni relativamente piu' elevate, dal momento che quando si precisa che il contributo verra' fatto sul 15% dei pensionati si capisce che le pensioni 'relativamente piu' alte' sono quelle di 2500 euro lordi''. Nel piano, infine, ''risulta compreso un intervento di oltre tre miliardi di euro nel triennio sul sistema sanitario nazionale gia' fortemente indebolito per i tagli di tutti questi anni''.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Carrefour
Carrefour annuncia 500 esuberi e i sindacati preparano scioperi
Alimenti
Obbligo di indicazione di origine sui latticini: ecco il vademecum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4