mercoledì 22 febbraio | 05:23
pubblicato il 18/mar/2014 18:23

Spending Review: Cgil, ancora cassa su pensioni e accanimento su donne

(ASCA) - Roma, 18 mar 2014 - ''Ancora un'operazione di cassa sulle pensioni, in perfetta continuita' col passato, insieme ad un particolare accanimento sulle donne?''. E' quanto afferma il segretario confederale della Cgil, Vera Lamonica, in merito al piano Cottarelli di Spending Review, per quanto riguarda i capitoli welfare e previdenza, nel sottolineare come ''si prevedono pesanti riduzioni del nostro sistema di welfare, senza contemplare che i tagli nel welfare sono tagli alle prestazioni, rendono piu' debole cio' che e' gia' debole''. Secondo la dirigente sindacale, nel merito, ''si parla di nuovo di voler legare il diritto all'indennita' di accompagnamento a limiti di reddito familiare, dicendo addirittura che se si potesse applicare la nuova misura non solo alle nuove domande ma anche alle indennita' gia' concesse i risparmi sarebbero sicuramente piu' elevati.

Analogo discorso viene fatto per ridurre le invalidita' civili: come se negli ultimi anni non si fossero gia' fatte campagne contro gli abusi andando soltanto a penalizzare i veri invalidi''. Per Lamonica, inoltre, ''misure estremamente pesanti si prospettano per quanto riguarda la previdenza. Ancora una volta si vanno a colpire i pensionati e le donne, in particolare queste ultime per quanto riguarda l'innalzamento di un anno in piu' di contributi per andare in pensione di anzianita'''. Su quest'ultimo punto, la Cgil si augura che ''con la nuova richiesta dell'Ue sull'allineamento della contribuzione per le donne, non si voglia ripetere l'esperienza del governo Berlusconi, che innalzo' di un colpo a 65 anni l'eta' per la pensione delle donne del Pubblico Impiego, con ulteriore penalizzazione delle donne, e che anzi l'occasione venga colta per intervenire su uno dei punti piu' delicati ed iniqui della riforma Fornero: abbassando per gli uomini l'eta' di accesso e favorendo per le donne la valorizzazione contributiva per i periodi di lavoro di cura. Si ripropone insomma, l'esigenza di intervenire su un impianto normativo che si rivela sempre piu' socialmente insostenibile''.

Ma non e' questa per Lamonica ''l'unica misura contro le donne visto che nel piano Cottarelli si parla anche di misure per ridurre le pensioni di reversibilita'; cosi' come di 'maggiore deindicizzazione delle pensioni nel 2015', anche se non si precisano le misure che si intendono adottare, mentre appare purtroppo abbastanza chiaro il contributo temporaneo (per quanto tempo?) che viene richiesto sulle pensioni relativamente piu' elevate, dal momento che quando si precisa che il contributo verra' fatto sul 15% dei pensionati si capisce che le pensioni 'relativamente piu' alte' sono quelle di 2500 euro lordi''. Nel piano, infine, ''risulta compreso un intervento di oltre tre miliardi di euro nel triennio sul sistema sanitario nazionale gia' fortemente indebolito per i tagli di tutti questi anni''.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Taxi
Taxi, Padoan: liberalizzazione va fatta ma con transizione dolce
Moda
La moda porta a Milano 1,7 mld al mese, un terzo viene da estero
Conti pubblici
Padoan: domani procedura Ue più vicina? Direi proprio di no
Taxi
Taxi, Delrio: si lavora insieme se non ci sono violenza e minacce
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia