venerdì 20 gennaio | 11:50
pubblicato il 09/mag/2014 20:31

Spazio: settore vitale per l'Italia che non riesce piu' a fare sistema

Spazio: settore vitale per l'Italia che non riesce piu' a fare sistema

(ASCA) - Roma, 9 mag 2014 - Spazio settore di eccellenza, storicamente competitivo per il nostro paese, che pero' potrebbe registrare l'arresto di quel ''circolo virtuoso'' che finora ha invece funzionato facendo della capacita' di innovazione tecnologica italiana un valore assoluto anche a livello europeo ed internazionale. Ed un volano dell'econonomia nazionale.

Se ne e' parlato a Roma, in un convegno promosso dalla rivista aerospaziale Airpress, che ha visto a confronto, compresa un'attenta e qualificata platea, i protagonisti delle istituzioni e delle imprese del settore. ''Spazio vitale per l'Italia'', questo il titolo dell'evento, ha cosi' vissuto il dibattito, con la moderazione dell'editore di Airpress Paolo Messa, tra la giornalista Maria Latella, il presidente e amministratore delegato di Thales Alenia Space Italia, Elisio Prette, l'amministratore delegato di Telespazio, Luigi Pasquali, la direttrice dell'agenzia Unoosa delle Nazioni Unite, Simonetta Di Pippo, ed il commissario dell'Asi, Aldo Sandulli. A concludere e' stato il ministro dell'istruzione, dell'universita' e della ricerca, Stefania Giannini. Quale dunque il rischio di frenata per le attivita' spaziali italiane in questa fase storica? Per tutti i protagonisti, in sintesi, e' l'evidenziarsi di un'assenza di coordinamento, di organizzazione. Insomma l'annoso tema dell'incapacita' di fare sistema, laddove altri paesi, come Germania e Francia, si' eccellono. E dove altri ancora, come la Gran Bretagna, scommettono con poste impensabili per i nostri budget in costante riduzione. Tra gli esempi piu' calzanti la vicenda di Cosmo-SkyMed di seconda generazione, la costellazione di satelliti per uso ''duale'' (cioe' militare e civile), che nel 2016 e nel 2017 dovrebbe registrare il lancio di due ulteriori satelliti. Lanci a rischio per assenza, al momento, delle risorse istituzionali precedentemente messe a budget a garanzia del programma. Per Prette ''di questi lanci tutti sapevano ma sembra che se ne siano dimenticati''.

Insomma, tra Difesa ed Asi, risposte non arrivano e ''nelle prossime settimane potremmo non sapere piu' come impiegare 3/400 persone, tutte qualificate'', ha aggiunto l'ad di Thales Alenia Space Italia, segnalando il rischio di ricadute negative su tutta una filiera di pmi d'eccellenza.

Discorso analogo da parte di Luigi Pasquali: per l'amministratore delegato di Telespazio il paese a volte ''non ha giocato la partita'', e quel ''circolo virtuoso ha si' raggiunto l'apice ma li' e' rimasto''. Dal ministro Giannini infine la certezza che l'Italia riprovera' a rifare sistema: nel semestre di presidenza dell'Ue innanzitutto e nella ministeriale Esa del prossimo dicembre.

gbt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Ilva
Ilva, Laghi: in 2016 produzione +23% con 5,8 mln tonnellate
Bce
Bce conferma a zero principale tasso di interesse dell'area euro
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Terremoti
Terremoto, Juncker: Ue pronta a mobilitare tutti i suoi strumenti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale