lunedì 05 dicembre | 20:25
pubblicato il 23/lug/2015 11:37

Spagna, netto calo disoccupati II trim al 22,7%, Rajoy esulta

"Mai così tanti posti in un trimestre"

Spagna, netto calo disoccupati II trim al 22,7%, Rajoy esulta

Roma, 23 lug. (askanews) - Netta riduzione della disoccupazione in Spagna nel secondo trimestre, al 22,7 per cento resta il secondo livello più elevato di tutta l'Unione europea dopo la Grecia, ma di 1,4 punti più basso del 23,78 per cento dei tre mesi precedenti.

Secondo l'ente di statistica spagnolo, si sono registrati quasi 300 mila disoccupati in meno, a 5,15 milioni. "Nella storia della Spagna non era mai accaduto prima che venissero creati così tanti posti in un singolo trimestre", si è rallegrato il premier Mariano Rajoy.

Il governo pronostica che complessivamente quest'anno vengano creati 600 mila posti e che la disoccupazione media scenda al 21,1 per cento, per tornare sotto la soglia psicologica del 20 per cento dopo il 2016.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Ferrero
Ferrero si 'mangia' i biscotti belgi Delacre
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Borsa
Vittoria No non spaventa la Borsa (-0,21%) ma banche vanno giù
Cambi
Cambi, euro in calo sul dollaro ai minimi da 21 mesi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari