lunedì 27 febbraio | 04:17
pubblicato il 03/giu/2014 12:28

S&P: per aziende italiane redditivita' e debito peggio della media UE

S&P: per aziende italiane redditivita' e debito peggio della media UE

(ASCA) - Roma, 3 giu 2014 - Le aziende italiane devono affrontare un severo percorso per migliorare la redditivita' e la competitivita' allineandosi ai concorrenti europei. E' quanto afferma Standard and Poor's in un rapporto intitolato ''il settore corporate italiani: un percorso difficile per recuperare redditivita' e competitivita'''.

Anche se l'Italia sembra imboccare il sentiero di una tiepida ripresa, la crescita e' ancora ppesantita da una debole domanda interna. ''Inoltre la competitivita' di molte imprese italiane - scrivono gli analisti di S&P - in particolare le piccole e medie imprese e' ostacolata da strutture pesanti e vecchie''.

S&P ritiene che le aziende italiane dovranno ristrutturare i propri assetti industriali e consolidare il business nei prossimi anni per rafforzare la redditivita' ai livelli dei competitor europei. In particolare per le piccole e medie - afferma Renato Panichi - riteniamo che tale approccio possa rappresentare un solido supporto allo sviluppo del business e migliorare la competitivita' sui mercati internazionali''.

did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Lavoro
Lavoro, Renzi: rivoluzionerò welfare con lavoro di cittadinanza
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech