venerdì 09 dicembre | 19:07
pubblicato il 13/nov/2014 10:33

S&P: crescita Ue perde slancio, aumenta rischio terza recessione

Capo economista Emea: "il peggio non è mai sicuro"

S&P: crescita Ue perde slancio, aumenta rischio terza recessione

Milano, 13 nov. (askanews) - Standard & Poor's non prevede per il 2015 una terza recessione nell'eurozona ma i rischi non devono essere sottovalutati perché sono aumentati. Lo ha ammonito Jean-Michel Six, capo economista Emea dell'agenzia di rating.

"I dati di Eurolandia non sono così incoraggianti - ha detto Six nel corso del suo intervento a un convegno sulle utilities organizzato da S&P - la crescita ha già perso slancio e i venti che ci spingono verso il 2015 sono molto deboli".

"Nel nostro scenario base non prevediamo una terza recessione dopo quella del 2009 e del 2011 ma i rischi non vanno sottovalutati perché sono aumentati e questo avrebbe un effetto molto deleterio dal punto di vista socio politico. Come diciamo noi francesi - ha concluso - 'il peggio non è mai sicuro'". S&P prevede per i prossimi due anni una crescita dell'eurozona tra lo 0,5% e l'1%.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps: da Vigilanza Bce no a proroga tempi per aumento capitale
Francia
Francia, banca centrale taglia stime crescita citando la Brexit
Cambi
L'euro continua a calare dopo le mosse Bce, sotto 1,06 dollari
Natale
Coldiretti: alberi di Natale in 9 case su 10
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Galà di solidarietà per Amatrice a Villa Glori
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Usa, Pecoraro Scanio: nomina Pruitt a Epa pericolo per l'Ambiente
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina