sabato 03 dicembre | 16:53
pubblicato il 17/feb/2016 17:43

Soros entra nella Ferrari e il Cavallino vola in Borsa

Il George Soros Fund detiene 850mila azioni

Soros entra nella Ferrari e il Cavallino vola in Borsa

Roma, 17 feb. (askanews) - Spunta George Soros tra gli azionisti della Ferrari. Il finanziere detiene 850mila azioni del Cavallino per un controvalore di circa 40 milioni di dollari e pari a quasi lo 0,50% del capitale. E' quanto emerge dalle comunicazioni alla Sec sulle partecipazioni rilevanti.

La notizia ha infiammato il titolo Ferrari a Piazza Affari con un balzo del 10% superando di slancio la soglia dei 34 euro.

La partecipazione del finanziere di origine ungherese risale a fine dicembre attraverso il Soros Fund Management. Tra i fondi che detengono quote in Ferrari il Soros Fund si colloca al quarto posto. Il pacchetto di azioni più consistente è quello della fondo Price T Rowe Associates che sempre a fine dicembre deteneva oltre il 4% della Ferrari per un controvalore di circa 365 milioni di dollari.

Tra i big della finanza che detengono azioni del Cavallino rampante ci sono Morgan Stanley con 267mila azioni, il colosso BlackRock che attrevrso vari fondi detiene oltre 340mila azioni.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Ilva
Ilva, accordo con la famiglia Riva: disponibili oltre 1,3 mld
Altre sezioni
Salute e Benessere
Disturbi del sonno? 10 regole ambientali per dormire meglio
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari