martedì 28 febbraio | 11:39
pubblicato il 12/set/2016 18:33

Smart City: Trento racconta la sua eccellenza

Cinque giorni per conoscere i servizi innovativi della PAT

Smart City: Trento racconta la sua eccellenza

Trento (askanews) - Semplificare la vita dei propri cittadini, aumentare il benessere collettivo e attirare al tempo stesso investimenti e aziende innovative: sono le tre azioni che declinano il concetto di "Smart City" secondo quanto viene realizzato a Trento, unico capoluogo europeo inserito tra le cinque città di riferimento sul tema "Smart City" dall'Institute of Electronical and Electronics Engineers.

"Una smart City è una città che a partire dai bisogni dei propri cittadini costruisce degli strumenti e dei servizi che diano risposta a questi bisogni - dice Sara Ferrari, assessora provinciale all'Università e Ricerca - Avvicina cioè il cittadino alla Pubblica Amministrazione e rende più facile la vita al cittadino soprattutto nel dialogo con l'amministrazione".

I servizi offerti dalla pubblica amministrazione che rendono un territorio "accogliente e effciente", grazie all'uso diffuso delle tecnologie di rete, sono al centro della Trento Smart Week, l'evento in programma dal 10 al 15 settembre, che permette di conoscere e di toccare con mano le iniziative innovative, facili ed intelligenti, della città di Trento e le relative implicazioni sociali e tecnologiche. Ferrari fornisce così alcuni esempi: "Il cittadino può sapere in tempo reale quali sono i parcheggi liberi della città attraverso il proprio telefonino. O riceve sul proprio cellulare gli esiti dell'esame del sangue che contemporaneamente vengono visti anche dal suo medico, e la ricetta per i medicinali sta sul proprio telefonino".

Il successo di oggi però parte da lontano. Sono infatti decenni che la Provincia Autonoma di Trento si è dotata di centri di ricerca che permettono di sfornare idee e strumenti innovativi utili a vivere meglio. Per farli funzionare servono investimenti, ma i ritorni economici sono altrettanto importanti per il territorio. "Certo! - spiega Alessandro Andreatta, sindaco di Trento - E' stato fatto uno studio, recentissimo, che ci dice che se tutte le città diventassero 'smart', anche non al massimo livello, ma sufficientemente smart, ci sarebbe un aumento del Pil in Italia del 10 per cento. Certo servono anche gli investimenti. Quali? Si deve investire un 3 per cento in Italia almeno fino al 2030, ma poi i risltati sono davvero importanti per tutto il Paese".

Gli articoli più letti
Generali
Intesa SanPaolo vola in borsa dopo no a Generali: mercato approva
Ue
Regioni: Lombardia la più competitiva in Italia, 143esima in Ue
Lavoro
Lavoro, Camusso: su data referendum tutto tace
Piaggio
Piaggio accelera: nel 2016 utile sale a 14 milioni (+18,3%)
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
SpaceX invierà due turisti spaziali attorno alla Luna a fine 2018
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech